Architettura: e il mondo dice sì a Torino

XXIII UIA: questo il nome del prossimo congresso mondiale di architettura presentato all’Eire e che avrà luogo a Torino già dichiarata capitale mondiale del design 2008. Grazie ad un accurato programma scientifico, il capoluogo piemontese è riuscito ad avere la meglio su Tokyo e Siviglia. Presidente della manifestazione sarà il già presidente dell’Ordine degli Architetti Riccardo Bedrone, mentre all’interno del comitato scientifico appariranno non solo nomi italiani come Achille Bonito Oliva e Alessandro Cecchi Paone, ma anche stranieri quali Vladimir Slapeta e Suha Özkan.

L’evento è previsto dal 29 giugno al 3 luglio del prossimo anno e permeerà sul rapporto tra architettura e comunicazione. “Comunicare Architettura – Transmitting Architecture”, questo il titolo del tema scelto da Torino per il congresso, mostrerà non solo la comunicazione insita nell’architettura, ma anche come questo campo del sapere viene trasmesso e la sua importanza collegata alla qualità della vita, al paesaggio e all’ambiente.
Nella manifestazione non avranno luogo solo dibattiti, visite, mostre e festival permetteranno scambi culturali tra esperti del campo e studenti, ma anche la consegna delle Medaglie d’Oro UIA ai vincitori di alcuni concorsi riservati agli studenti.

Sede del Congresso sarà il Lingotto, ex-fabbrica FIAT realizzata tra il 1917 e il 1920 e divenuto, su progetto di Renzo Piano, un centro polifunzionale, sede di una facoltà universitaria, di un Business Centre dotato di uffici commerciali e di una pinacoteca.

Lascia un commento