A Milano è di scena il cinema italiano

A Milano è di scena il cinema italiano: la sesta edizione del Festival “Il Cinema Italiano visto da Milano”, organizzato da Fondazione Cineteca Italiana, presenta al pubblico milanese una selezione di film della stagione 2007 e, nell’ambito del concorso “Rivelazioni”, un interessante gruppo di lungometraggi indipendenti, ancora inediti. Il film vincitore del concorso sarà distribuito nei prossimi mesi in alcune sale lombarde appartenenti al Circuito di qualità.

Il successo del Festival è il frutto della combinazione vincente di una serie di elementi. La qualità dei film selezionati ed il pieno coinvolgimento del pubblico, chiamato a decretare il vincitore, rappresentano i due maggiori punti di forza della manifestazione.
Un motivo di sicuro interesse è dato, inoltre, dalla presenza in sala del regista o dell’attore protagonista, che sono lì a soddisfare alcune curiosità degli spettatori.

Tutte le sere, fino al 3 febbraio, il pubblico potrà incontrare gli autori dei film selezionati nell’ambito della ricca produzione italiana del 2007: Ermanno Olmi, Silvio Soldini, Ale & Franz, Fabrizio Bentivoglio, Franco Battiato, Saverio Costanzo, Pasquale Scimeca, Vittorio Rifranti, Antonio Bocola. Il film “Centochiodi” di Ermanno Olmi, surreale e poetica parabola sugli umili, è stato decretato Miglior Film Italiano del 2007.

Una serie di eventi speciali costellano il Festival e mescolano i linguaggi del Cinema, del Teatro e della Musica: un concerto jazz con il trio di Antonio Zambrini (sabato 26 gennaio) in ricordo di Luca Flores, grande pianista jazz scomparso tragicamente e prematuramente, sulla cui figura nel 2007 è uscito il film Piano solo; una serata dedicata a Giuseppe Garibaldi (mercoledì 30 gennaio) e animata da David Riondino, cantautore, poeta e cantastorie; un omaggio a Marco Ferreri (venerdì 1 febbraio) con Enzo Jannacci che introdurrà la proiezione di L’udienza (in copia restaurata), di cui fu interprete protagonista nei panni del goffo personaggio di Amedeo, bloccato all’interno del sistema burocratico mentre cerca di avere udienza col papa; uno speciale cinema di animazione dedicato a Emanuele Luzzati (domenica 27 gennaio) con l’antologia di Tutti i Pulcinella 1959-1985, restaurata da Cineteca Italiana e presentata alla Mostra del Cinema di Venezia 2007, e a un giovane ma già affermato autore italiano, Simone Massi.

Due gli eventi di chiusura del Festival: il convegno dal titolo “Cinema italiano oggi. Il sentimento della realtà”, coordinato da Giorgio Godetti, e una serata di musica e divertimento, con l’Orchestra di via Padova ed il gioco-quiz di Luisa Morandini sulla storia del cinema, dal titolo “Chi vuol esser dizionario?”.

Fino a domenica 3 febbraio
Proiezioni:
Spazio Oberdan, Fondazione Cineteca Italiana – Milano
Area Metropolis 2.0, Fondazione Cineteca Italiana – Paderno Dugnano
Museo del Cinema Gianni Comencini – Milano
Cineplex Astoria – Como

Lascia un commento