Artisti al servizio del sociale

Prende il via la terza edizione del “Rewriting”, progetto dedicato al fenomeno graffiti street art, nato dall’iniziativa del Circolo Culturale Amantes, realizzato con il contributo della Regione Piemonte e il supporto di Casa Sonica e Xcoast. Dal 14 marzo, per quattro venerdì, sedici writers del panorama italiano e spagnolo ci offriranno dal vivo una rilettura in chiave post graffiti di icone, tag, pezzi e puppets che li identificano sui muri di mezza Europa. Quattro appuntamenti unici per ammirare dal vivo l’estro e la bravura di quello che è solo un esempio di un fenomeno più ampio. I generatori di tale fenomeno, i “writers”, si divincolano tra iniziative istituzionali di valore internazionale e inseguimenti tra i binari morti delle ferrovie, dalle aste televisive di Telemarket ai puppets e graffiti negli spot pubblicitari e nelle scenografie televisive.
“La solidarietà – riflette Roberto Tos, Presidente del Circolo Amantes di Torino – corre sul filo dell’equatore, su centinaia di conflitti che affliggono il pianeta, ma nella tua città questa prossimità con la disperazione fa male. Il nostro è un segno di solidarietà che si frantuma contro nuove tragedie, a cui si aggiunge uno stillicidio quotidiano, individuale e meno rumoroso.”
Un progetto che intende accendere un’ulteriore lampadina mediatica sulla tragedia Thyssenkrupp, fatto che col passare dei giorni viene risucchiato da nuovi e altrettanto terribili avvenimenti. In questo l’arte adempie al suo profondo impegno sociale, assistendo passo dopo passo un evento che ha creato profondi turbamenti nel pensiero collettivo. I proventi derivati dalla vendita delle tele appositamente realizzate per la manifestazione saranno devoluti al fondo di solidarietà per la tragedia Thyssenkrupp. Atto di solidarietà compiuto dai singoli cittadini, associazione e sindacati, oltre che dagli artisti stessi.

Lascia un commento