La mostra "Fellini e la sua musa" sbarca a Milano

Situato nel cuore di Milano, di fianco alla Scala, il Teatro dei Filodrammatici si apre alla città, oltre che per la proposta teatrale, per mostre d’arte contemporanea ed eventi speciali che richiedano una cornice esclusiva. La nuova gestione intende, infatti, connotare la Sala come luogo eletto per momenti di comunicazione di alto livello, sostenendo le arti in genere, e lo sviluppo di un dibattito culturale e interdisciplinare. Primo atto di questo percorso la mostra “Fellini e la sua musa – Disegni inediti della collezione Liliana Betti” con il Patrocinio del Comune di Milano e della Fondazione Federico Fellini.

Presentata il luglio scorso a Palazzo Reale, la prima edizione della mostra è stata ospitata con grande successo nelle Sale Municipali di Palazzo Bargnani Dandolo ad Adro (Brescia).
Su concessione del Comune di Adro, promotore della mostra, una sezione dei cento disegni di Federico Fellini appartenenti alla collezione Liliana Betti, sarà esposta nella storica sede del Teatro Filodrammatici, a partire dal 25 novembre fino al 14 dicembre 2008.
Grazie all’universalità del nome di Fellini, la mostra si propone come un evento culturale di caratura internazionale, in grado di richiamare l’attenzione dei mass media europei e d’Oltreoceano.

Oggetto dell’esposizione è un corpus di disegni in bianco e nero e a colori, tutte opere autografe di Federico Fellini, appartenenti alla collezione privata di Liliana Betti (1937-1998), scrittrice adrense, una fra le più importanti figure del cinema italiano del Novecento, legata a Federico Fellini da un lungo sodalizio professionale e umano.
La Betti, infatti, collaborò col grande regista affiancandolo sul set – nelle vesti prima di segretaria di produzione, poi di assistente alla regia – in occasione della lavorazione di quasi
tutti i suoi capolavori: Giulietta degli spiriti (1965), Fellini Satyricon (1969), Amarcord (1973), Casanova (1976), La città delle donne (1980).
In seguito, Liliana Betti ha firmato come sceneggiatrice molte celebri pellicole, fra le quali le due ultime opere di Marco Ferreri, La carne (1991) e Diario di un vizio (1993).
I disegni in mostra, caratterizzati da un humour grafico paradossale e grottesco, offrono uno spaccato formidabile non solo del mondo intimo di Fellini, ma anche di una stagione importante del nostro cinema e del nostro costume.

Titolo della mostra: “Fellini e la sua musa – Disegni inediti della collezione Liliana Betti”
Curatori: Enrico Ghezzi e Domenico Montalto Sede della mostra: Teatro Filodrammatici – Via Filodrammatici, 1 – MILANO
Durata: dal 25 novembre al 14 dicembre 2008 – Ingresso libero
Orari: tutti i giorni dalle ore 16.30 alle ore 19.30*
domenica dalle ore 10.00 alle ore 14.30 – Chiuso il lunedì
*Il 26 e il 28 novembre la mostra sarà aperta dalle ore 14.00 alle ore 17.00

Lascia un commento