Bollette addio: apre la prima mensa energicamente autonoma

By 17 Settembre 2012 Ambiente

Bollette addio: a Basiglio (Milano) apre la prima mensa scolastica in Italia completamente autonoma dal punto di vista energetico. Dopo un’estate di intenso lavoro, nel corso della quale è stata portata a termine la riqualificazione dell’edificio, oggi viene inaugurata nel piccolo comune alle porte di Milano la struttura che, grazie all’impiego di fotovoltaico e geotermia, funzionerà senza bisogno di attingere energia dalla rete.

La mensa è in grado di provvedere in totale autonomia al proprio fabbisogno energetico: l’impianto fotovoltaico garantirà la produzione dell’energia elettrica necessaria per il funzionamento della cucina e degli altri servizi, mentre quello geotermico consentirà di rinfrescare e riscaldare l’ambiente durante le varie stagioni e provvederà a rifornire la struttura di acqua calda sanitaria.

Ma non è tutto. L’intervento di riqualificazione dell’edificio, realizzato dalla società che gestisce il servizio di refezione scolastica (come stabilito dall’appalto di gestione), ha puntato anche a migliorare l’efficienza energetica della mensa. Un’operazione grazie alla quale i vecchi serramenti sono stati sostituiti da quelli di nuova generazione, che garantiscono una coibentazione ottimale.

Risultato di tutto ciò è la nascita della ”prima mensa scolastica in Italia a sostenibilità totale”, come sottolinea il Sindaco del Comune di Basiglio, Marco Flavio Cirillo. “L’autonomia energetica, per quanto di grande rilevanza (tanto più se si pensa che stiamo parlando di un edificio realizzato trent’anni fa), rappresenta solo l’ultimo tassello di un disegno più ampio per realizzare una mensa sostenibile da tutti i punti di vista”.

Da tempo il servizio di ristorazione utilizza alimenti e prodotti a filiera corta, chilometro zero, biologici, Dop e Igp, ai quali si sono recentemente aggiunti quelli provenienti dai terreni confiscati alla mafia e alla ‘ndrangheta.

Inoltre, già da alcuni ann, all’interno della mensa, che serve quotidianamente quasi 1.000 bambini, è stata messa al bando l’acqua in bottiglia di plastica, sostituita dal”acqua in caraffa, che ogni anno garantisce un risparmio in termini di CO2 pari alla quantità di anidride carbonica emessa nell’atmosfera da un’utilitaria che percorra 80.000 chilometri.

Per approfondire:

Scuola: nelle mense 1,2 milioni al giorno di pasti bio e km zero

 

 

Leave a Reply