Su disposizione del sindaco Massimo Cialente (nella foto), il Comune dell’Aquila ha aperto un conto corrente per raccogliere fondi da destinare alle popolazioni dell’Emilia Romagna e del Nord Italia colpite dal terremoto del 20 maggio scorso. Il Comune dell’Aquila ha versato il primo contributo sul nuovo conto corrente.

La città dell’Aquila, nonostante le difficoltà e i problemi causati dal terremoto che l’ha così duramente colpita la notte del 6 aprile 2009, ha voluto essere vicina alle popolazioni colpite dal sisma attraverso questo grande gesto di solidarietà, vicinanza e generosità.

“Le tragiche scene trasmesse dai mezzi di comunicazione sul sisma dell’Emilia e di vaste parti del Nord Italia hanno avuto un effetto particolare su tutti noi aquilani – ha affermato il sindaco Massimo Cialente -. Tutti noi, infatti, abbiamo rivissuto l’orrore della notte del 6 aprile di tre anni fa. Gli aquilani conoscono tristemente il disagio dovuto alla perdita dei propri affetti, delle proprie abitazioni, nonché alla vita nei campi di accoglienza e nei ricoveri di fortuna”.

“Per tutto questo, e in considerazione della solidarietà concreta e commovente che è venuta dall’Emilia in occasione del terremoto che ci ha colpitoha proseguito Cialente – abbiamo voluto fare la nostra parte, mettendo in campo tutto quanto potevamo fare a beneficio di quelle popolazioni”.

Ed ha concluso:“Mi auguro che enti, imprenditori e tutti i cittadini dell’Aquila partecipino generosamente a questa iniziativa, ben conoscendo le sofferenze che genera una tragedia di questa portata”.

Donazioni e contributi possono essere versati sul conto corrente:

IBAN  IT77C0760103600001006472409
Comune dell’Aquila – Servizio Tesoreria “Solidarietà terremoto Emilia Romagna”
Via Filomusi Guelfi
67100 L’AQUILA

Fonti: www.comune.laquila.gov.it e www.abruzzo24ore.tv

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.