Una sentenza della Corte Costituzionale ha stabilito che i genitori che – per vari motivi – non dovessero registrare il figlio neonato all’anagrafe entro i termini stabiliti dalla legge, non perdono la patria potestà. La questione è stata sollevata dal caso di una coppia di genitori bresciani, che non avevano registrato la loro bambina – nata a Brescia il 13 ottobre 2000. La perdita della potestà genitoriale, in questi casi, danneggerebbe il minore ed è in contrasto con i principi stabiliti dagli articoli 3 e 117 della Costituzione.

Fonte:  Il Corriere

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici
Condividi su:
Avatar photo

BuoneNotizie.it

Dal 2001, BuoneNotizie.it raccoglie e pubblica notizie positive e costruttive per farti riscoprire il piacere di essere informati. Crea la tua dieta mediatica e scopri cos'è il giornalismo costruttivo.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici