Decisione storica quella dell’Assemblea generale dell’Onu: con la ratifica del trattato scatta il divieto per gli Stati di commerciare armi in caso di genocidio, crimini di guerra e contro l’umanità. 154 paesi che hanno detto sì, 23 stati che si sono astenuti e col voto contrario soltanto di Iran, Corea del Nord e SiriaA spingere per una regolamentazione che impone anche agli stati venditori l’accertamento che le armi servano per la difesa e non per la violazione dei diritti umani sono stati  Stati Uniti, Francia Gran Bretagna e la stessa Italia. Immediata  la soddisfazione del segretario generale dell’Onu Ban Ki moon.

BuoneNotizie.it

BuoneNotizie.it

Dal 2001, BuoneNotizie.it raccoglie e pubblica notizie positive e costruttive per farvi riscoprire il piacere di informarvi. Scopri cos'è il giornalismo costruttivo

Vuoi diventare giornalista?

Sei un aspirante pubblicista, ma non hai ancora trovato editori disposti a pagare i tuoi articoli?

Scopri di più

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.