Decisione storica quella dell'Assemblea generale dell'Onu: con la ratifica del trattato scatta il divieto per gli Stati di commerciare armi in caso di genocidio, crimini di guerra e contro l'umanità. 154 paesi che hanno detto sì, 23 stati che si sono astenuti e col voto contrario soltanto di Iran, Corea del Nord e SiriaA spingere per una regolamentazione che impone anche agli stati venditori l’accertamento che le armi servano per la difesa e non per la violazione dei diritti umani sono stati  Stati Uniti, Francia Gran Bretagna e la stessa . . .

Questo contenuto è riservato agli iscritti!
Vuoi stare subito meglio leggendo buone notizie?

Gratis

0.00

Accesso gratuito

  • Accesso ai contenuti standard di BuoneNotizie.it
  • eBook integrale “Giornalismo Costruttivo
  • eBook “Quello che i media non ti hanno mai raccontato
  • Newsletter settimanale con le migliori buone notizie
  • SCONTO per i prossimi eventi LIVE

Registrati gratis ora!

AbbonamentoSe vuoi fare la differenza

4.97

al mese

  • Accesso a tutti i contenuti di BuoneNotizie.it
  • eBook integrale “Giornalismo Costruttivo
  • eBook “Quello che i media non ti hanno mai raccontato
  • Newsletter settimanale con le migliori buone notizie
  • SCONTO per i prossimi eventi LIVE

Abbonati subito