"Steve Jobs era figlio di un siriano emigrato negli Stati Uniti nel 1954. Non dimentichiamolo quando istighiamo al terrore". Parole del regista premio Oscar Danny Boyle, a Roma per presentare il suo nuovo film dedicato al patron della Apple, a uno degli uomini che ha maggiormente cambiato il corso della civiltà umana negli ultimi venti anni . . .

Registrati gratis per continuare a leggere questo articolo...

Registrati gratis ora!

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.