Cultura & Tempo Libero

Arte sacra contemporanea

Presso la storica sede della Biblioteca Umanistica dell’Incoronata di Milano, dal 4 al 22 marzo 2009, si potranno ammirare in anteprima le formelle realizzate dagli scultori contemporanei Carmelo Lizzio e Alfonso Silba. Le opere andranno a comporre i due nuovi portali della chiesa di San Giacomo Maggiore a Orosei, una realizzazione fra le più significative e suggestive dell’arte sacra contemporanea. I portali saranno inaugurati il 25 luglio prossimo, in occasione della Festa di San Giacomo.Il Comune di Orosei e il Centro studi “G. Guiso”, che insieme alla parrocchia di San Giacomo organizzano l’evento, hanno scelto per l’occasione una sede di alto rilievo culturale in una città come Milano che guarda sempre più all’Europa, al fine di dar risalto internazionale al patrimonio d’arte religiosa di cui sono ricche Orosei e la bassa Baronia. Nei due portali bronzei di Orosei, gli artisti Carmelo Lizzio e Alfonso Silba hanno saputo tessere un racconto ispirato che celebra il sensus fidei e il genius loci della Chiesa locale, in una sintesi d’arte, religiosità e bellezza al servizio della devozione.Oltre alle opere dei due artisti viene presentata in anteprima una monografia sulla chiesa parrocchiale oroseina, edita dal Centro Studi G. Guiso, con testi critici dello storico Michele Carta e di Domenico Montalto che ha curato le schede dei due portali.Il documento, oltre alla storia della chiesa e ai tesori artistici che conserva, ricorda le altre chiese dedicate all’Apostolo “Matamoros” esistenti o esistite nella provincia di Nuoro. Centrato sui grandi fatti evangelici e sui misteri cristologici della Salvezza è il portale della chiesa eseguito da Carmelo Lizzio. Il suo lavoro dà rilievo e luce – grazie anche alla tonalità calda della patinatura bronzea, in parte dorata – agli episodi sinottici e cardinali della cronaca neotestamentaria: la Crocifissione (che assume . . .

Registrati gratis per continuare a leggere questo articolo...

Registrati gratis ora!

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.