Strategia Energetica Nazionale: avviata la consultazione online

La modernizzazione del settore energia rappresenta un elemento cardine e il nuovo Documento di programmazione e indirizzo della politica energetica italiana era atteso da tempo. Per questo, ad oltre vent’anni dall’ultimo “Piano Energetico Nazionale”, il Governo ha deciso di avviare un ampio dibattito pubblico e di confrontarsi apertamente su queste scelte, con tutte le parti interessate. E’ stata predisposta una consultazione online, in modo da giungere, entro due mesi, alla definizione di obiettivi, scelte di fondo e azioni prioritarie quanto più possibile condivisi, nell’interesse generale del Paese. 

“Riduzione dei costi energetici, pieno raggiungimento e superamento di tutti gli obiettivi europei in materia ambientale, maggiore sicurezza di approvvigionamento e sviluppo industriale del settore energia: sono questi gli obiettivi del Documento di strategia energetica che il Ministro dello Sviluppo economico, delle Infrastrutture e dei Trasporti, Corrado Passera, ha presentato al Consiglio dei Ministri” riunitosi lo scorso 16 ottobre.

“La modernizzazione del settore energia rappresenta un elemento cardine dell’Agenda per la crescita sostenibile del Governo” si legge sul sito istituzionale del Ministero dello Sviluppo. “A oltre vent’anni dall’ultimo Piano Energetico Nazionale, questo documento di programmazione e indirizzo era molto atteso dal settore. Nel corso delle prossime settimane, il Governo si propone di avviare un ampio dibattito pubblico e di confrontarsi apertamente su queste scelte con tutte le parti interessate”.

A tal proposito, è stata predisposta una consultazione on-line, in modo da giungere entro circa due mesi alla definizione di obiettivi, scelte di fondo e azioni prioritarie quanto più possibile condivisi, nell’interesse generale del Paese.

Le azioni proposte nella strategia energetica – che guarda al 2020 come principale orizzonte di riferimento – puntano a far sì che l’energia non rappresenti più per il nostro Paese un fattore strutturale di svantaggio competitivo e di appesantimento del bilancio familiare, tracciando un percorso che consenta al contempo di mantenere e migliorare i nostri già elevati standard ambientali e di sicurezza, grazie a investimenti consistenti attesi nel settore.

La realizzazione della strategia proposta consentirà un’evoluzione graduale, ma significativa, del sistema ed il superamento degli obiettivi europei 20-20-20, con una serie di risultati attesi al 2020 (in ipotesi di crescita economica in linea con le ultime previsioni della Commissione Europea).

I risultati previsti, saranno accompagnati da benefici in termini di crescita economica ed occupazione, primariamente per effetto del recupero di competitività nei settori a più elevata incidenza di consumi elettrici e di gas, del risparmio di risorse attualmente utilizzate per l’importazione di combustibili, degli importanti investimenti nel settore energetico e nell’indotto, e del rilancio della ricerca e dell’innovazione nel settore.

Per il raggiungimento dei risultati la strategia si articola in 7 priorità, con specifiche misure concrete a supporto avviate o in corso di definizione, tra le quali spicca la promozione dell’Efficienza Energetica, strumento ideale per perseguire tutti gli obiettivi indicati dal Ministero, e per la quale si prevede il superamento degli obiettivi europei.

Da questa settimana e per un mese circa, il Documento di consultazione pubblica sarà disponibile sul sito web del Ministero dello Sviluppo Economico con la possibilità di inviare osservazioni e commenti.

Infine, il Ministero informa che “in parallelo, saranno avviate consultazioni formali con le principali Istituzioni interessate (in particolare le Commissioni Parlamentari competenti) e incontri con parti sociali e associazioni di categoria. Al termine della consultazione verrà svolta una conferenza pubblica per condividere i risultati e tracciare gli elementi del percorso attuativo. Seguirà l’approvazione del documento finale”.

 

UNISCITI A NOIScopri finalmente come informarti senza allarmismo, titoli strillati e fake news!

No Comments

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.