Il risparmio di energia viene dal calore dei tetti

By 20 Dicembre 2012 Economia, Risparmio

Fra le esigenze più diffuse tra i consumatori c’è quella di ridurre i costi per la fornitura elettrica. Gran parte delle volte per risparmiare é sufficiente valutare attentamente l’offerta del mercato. Spesse volte confrontare le tariffe di energia consente di capire quali servizi offrono le principali compagnie del settore e quali prodotti siano maggiormente in linea con le nostre abitudini e stili di vita.

 

In materia di energia rinnovabile spesse volte una maggiore efficienza deriva dalle innovazioni tecnologiche del settore. In Spagna, ad esempio sono stati istallati alberi fotovoltaici per l’illuminazione pubblica in grado di ospitare anche semafori, centraline meteo, centraline di rilevazione di inquinamento atmosferico e reti wireless.

 

Anche dall’ America arriva una novità per tutti coloro che vogliono risparmiare e insieme tutelare l’ambente. L’idea è molto semplice, ma estremamente innovativa: sfruttando con dei pannelli fotovoltaici il calore dei tetti esposti al sole si più produrre energia da utilizzare in svariati modi. Il progetto, ideato e sviluppato da Robert Barmore, ex designer di architettura del New Hampshire, costituisce un ulteriore passo in avanti nell’ambito di sistemi energetici rinnovabili.

Ma vediamo come funziona, di preciso, questo sistema. Innanzitutto i pannelli termici possono essere installati al di sotto di superfici esterne di vario tipo, quali tetti, pavimenti, vialetti del giardino, marciapiedi, balconi e così via. Il sistema di pannelli così installato svolge, quindi, la funzione di scambiatore termico: ad esempio, nel periodo estivo il calore viene assorbito raffreddando il pavimento o altre superfici e, una volta accumulato, viene sfruttato per il riscaldare l’acqua domestica, permettendo così ai consumatori di tagliare i costi del gas per il riscaldamento. Mentre nel periodo invernale, il funzionamento è inverso: le superfici esterne vengono riscaldate favorendo lo scioglimento della neve e impedendo la formazione di ghiaccio.

Bisogna tenere presente che questi pannelli termici possono essere montati sulla parte superiore degli edifici e possono, quindi, svolgere anche la funzione di isolanti termici, riducendo notevolmente i costi di condizionatori e impianti di riscaldamento e abbattendo l’emissione di sostanze inquinanti nell’aria.

I pannelli solari, quindi, sembrano davvero destinati a diventare la principale fonte di energia domestica, permettendo di unire l’esigenza del risparmio, mai troppo di questi tempi, alla tutela dell’ambiente, in quanto permettono di ridurre il consumo di energia prodotta da fonti non rinnovabili.

Anche le istituzioni hanno compreso le potenzialità degli impianti fotovoltaici e per incentivare i cittadini a “convertirsi” all’energia rinnovabile hanno previsto una serie di bonus per chi decide si installare i pannelli solari in casa.

Le spese sostenute per l’installazione di un impianto fotovoltaico, così come quelle per interventi di ristrutturazione volti al risparmio energetico, sono infatti detraibili fino al 65%. Inoltre anche per chi vive in un condominio sono in arrivo delle novità.

Secondo le nuove norme condominiali, attualmente sotto esame in Parlamento, stabiliscono che i singoli condomini potranno autonomamente, e senza bisogno di convocare l’assemblea, installare dei pannelli solari a proprio esclusivo beneficio, anche in parti comuni dell’edificio, purché non ledano la sicurezza dello stesso. L’assemblea andrà convocata solo nel caso in cui un altro condomino manifesti espressamente il proprio dissenso per i lavori di installazione.

Ovviamente l’impianto potrà essere installato anche a beneficio di tutto il condominio: in tal caso andrà convocata l’assemblea per l’approvazione del progetto e le spese saranno a carico di tutti i condomini, che poi potranno sfruttare l’energia prodotta per l’autoconsumo.

 

 

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.