L’Inps intende assicurare la possibilità di ottenere prestiti alle condizioni migliori del mercato, senza incorrere in abusi e illegalità. Ecco come.

L’offerta delle banche in merito all’erogazione del credito è molto vasta e per trovare la soluzione ideale è bene tenere conto anche del proprio profilo e delle esigenze specifiche di ognuno. Per orientarci nel mondo dei finanziamenti possiamo confrontare i migliori prestiti delle principali banche così da capire velocemente quale prodotto sia datti meglio alle nostre richieste.

 

Prelievo meno gravoso e condizioni più favorevoli per i pensionati titolari di un prestito bancario tramite formula cessione del quinto. Sono sostanzialmente queste le modifiche apportate dall’Inps, Istituto nazionale della Previdenza Sociale, alla convenzione stipulata con istituti di credito e finanziarie che offrono questa soluzione creditizia.

 

Le nuove regole si applicano a tutti i pensionati dell’Istituto (inclusi i prestiti dell'Inpdap, dall’ex Enpals e dall’ex Ipost) e sono attive dallo scorso primo giugno. Conosciamole meglio nel dettaglio. In base alle nuove disposizioni Inps, scatta il reato d’usura se il tasso d’interesse applicato ai finanziamenti è superiore al 19,33% (per importi fino a 5 mila euro) o al 18,91% (per prestiti più sostanziosi, superiori a 5 mila euro). Ulteriori abusi si hanno quando non è indicato in modo chiaro se l’assicurazione a tutela del credito erogato sia facoltativa od obbligatoria o, se nel prestito vengono inclusi anche altri familiari o persone che vivono con l’anziano.

 

La cessione del quinto deve, inoltre, avere condizioni migliori di quelle definite nella convenzione Inps-banche. In particolare, per importi fino a 5 mila euro, l’interesse minimo è di 9,12% (valido per gli under 60) a . . .

Registrati gratis per continuare a leggere questo articolo...

Registrati gratis ora!

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.