Costo delle polizze Rc auto, in arrivo novità per i consumatori

Le polizze assicurative costituiscono uno degli oneri più pressanti relativamente ai costi di gestione di un’automobile, motivo per cui gli automobilisti sono alla ricerca di un qualsiasi espediente che garantisca loro un possibile risparmio.
Abbiamo già avuto modo di parlare in questo articolo, del ribasso delle tariffe cui sono state interessati i preventivi delle assicurazioni auto nell’ultimo periodo, ma all’orizzonte si prospettano altre buone notizie in merito.

Sono in arrivo nuovi provvedimenti relativi alle modifiche delle polizze assicurative derivanti da un accordo tra la compagnia assicurativa Allianz e il Codacons, che nei giorni scorsi hanno siglato una partnership per regolare e far risparmiare sull’assicurazione auto tutti i consumatori.
L’obiettivo di questo accordo infatti, è quello di poter offrire ai consumatori il miglior prezzo delle polizze assicurative per le automobili, e, come ha affermato il vice direttore generale di Allianz Italia, quello di «ridurre il numero e il costo complessivo dei sinistri in tutte quelle voci improprie ed indirette che non vanno a beneficio del consumatore».
Questi provvedimenti andrebbero a creare una significativa riduzione dei prezzi poiché si agevolerebbero le condizioni per operare legalmente e nella trasparenza in un settore che ancora oggi subisce continui attacchi di frode.

Ad essere frodati sono sia le compagnie assicurative che i consumatori: questi ultimi in quanto vittime di sinistri a volte non sanno come muoversi nel marasma creato dall’incidente. A proposito, infatti, Carlo Rienzi, il presidente del Codacons – Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori – ha dichiarato: “E’ un piccolo ma significativo passo avanti nella lotta alla crisi ed ai balzelli che, a prescindere dalla rc auto, subiscono gli italiani”.
Una delle prime cose da fare per essere coperti da queste agevolazioni è infatti essere tesserati Codacons: questa iscrizione sicuramente sarà un vantaggio per molti cittadini che saranno più tutelati nella lotta contro i soprusi sui sinistri.
L’accordo è stato firmato lo scorso 25 novembre a Roma dal presidente del Codacons Carlo Rienzi, dal vice direttore Generale di Allianz Italia Fabio Sattler e dal responsabile Business Development Attività Distributive Raffaele Rasio e ha previsto tutte le condizioni finora necessarie per favorire una maggiore tutela degli aderenti al Codacons.
Tra i punti trattati da Allianz Italia e Codacons i più importanti sono stati quelli in riferimento agli sconti del 10% sull’assicurazione rca per i propri clienti, l’impegno a diffondere positivamente la pratica della conciliazione paritetica, il divieto della cessazione del credito e l’utilizzo di carrozzerie di fiducia in seguito ad un sinistro.
Tutte queste tematiche vanno infatti a toccare sia problemi legati alla facilità di organizzare le truffe a danno delle compagnie (come nel caso degli accordi tra l’automobilista e il carrozziere di fiducia sul costo effettivo dei danni) sia la facilità a farlo a carico degli automobilisti.
La conciliazione paritetica per esempio, è la clausola più importante sulla quale l’accordo punta molto: l’obiettivo è quello di diffonderla come buona pratica per chi dovesse averne bisogno.
La conciliazione paritetica nel settore delle rc auto, infatti, è un accordo sottoscritto dall’Ania (Associazione Nazionale tra le Imprese Assicuratrici) e alcune assicurazioni dei consumatori (come il Codacons) che si può applicare alle controversie sui sinistri che abbiano un valore inferiore ai 15 mila euro.
L’obiettivo di questo tipo di accordo è quello di ottimizzare la risoluzione della controversia nel modo più economico e veloce possibile, favorendo così molte delle vittime in difficoltà.
Ad ogni modo, per poter accedere alla procedura sono necessarie determinate condizioni come per esempio il non aver ricevuto risposta alla domanda di risarcimento, oppure aver ricevuto un rifiuto della stessa o ancora il non aver accettato l’offerta che l’Impresa ha fornito come risarcimento.
A proposito, il vice direttore generale di Allianz Italia, Fabio Sattler, ha dichiarato: “Siamo certi del fatto che, se i clienti saranno in grado di apprezzare lo strumento della conciliazione paritetica, fortemente auspicata anche dalle Autorità di Vigilanza, si potranno avere immediati benefici in termini di riduzione del numero e del costo complessivo degli interventi legali “inutili”, con la logica conseguenza di ridurre il costo complessivo dei sinistri in tutte quelle voci “improprie ed indirette”.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.