Calcola il risparmio sulla rata del mutuo dopo l'abbassamento dei tassi di interesse

By 8 Settembre 2014 Economia, risparmio

Una simulazione dell’Abi rivela che, a seguito dell’abbassamento dei tassi voluto dalla Bce, è possibile risparmiare 300 euro sui mutui accessi nel 2008.

La condizione di crisi imperversa da tempo nel nostro Paese e non sembra essersi attenuata. Anni fa come oggi, gli italiani si sono visti sempre più schiacciati dalla morsa di nuove tasse e dall’aumento dei prezzi, ma non per questo hanno rinunciato alla possibilità di acquistare. Compiendo numerose rinunce e confrontando i mutui online più convenienti hanno quindi individuato la formula più vantaggiosa per raggiungere il proprio obiettivo.

Pur individuando i mutui più accessibili, la situazione economica avversa e la precarietà lavorativa hanno fatto sì che corrispondere i pagamenti delle rate sia diventato sempre più difficoltoso, motivo per cui la Bce ha deciso di intervenire: al fine di contrastare l’assenza di crescita e il rischio di deflazione, venendo incontro anche all’esigenza crescente di molti cittadini, la Bce ha ridotto i tassi di interesse. In particolare, il tasso di rifinanziamento principale è passato dallo 0,15% allo 0,05%, toccando il minimo storico.

Leggi anche: Mutuo, come risparmiare sottoscrivendone uno online

Grazie a questo tipo di intervento, ci sono quindi buone notizie per i mutuatari, a seguito di un periodo che li ha visti spesso in grave difficoltà. In base a quanto emerso da una simulazione svolta dall’ufficio studi Abi, ad esempio, per coloro che nel 2008 hanno acceso un mutuo ventennale a tasso variabile di 100.000 euro (Euribor a 3 mesi +120 punti base di spread), sulle rate attuali è possibile risparmiare circa 300 euro al mese grazie a un tasso euribor a 3 mesi dello 0,15% (il suo valore nel 2008 era pari al 4,6%).

Il risparmio va pian piano modificandosi ripercorrendo le accensioni di mutui nei vari anni: nel caso di un mutuo acceso nel 2004, infatti, si parla di 95 euro risparmiati, che diventano 107 euro nel 2005, 170 euro nel 2006 e 262 euro nel 2007, per poi approdare ai 300 euro del 2008, cui segue una leggera riduzione (71 euro risparmiati nel 2009 e 46 euro nel 2010).

Leggi anche: Mercato immobiliare, gli italiani tornano ad aver fiducia

L’azione della Bce si ripercuote in modo estremamente positivo anche nei confronti di chi intende accendere un mutuo, poiché questi diventano decisamente più accessibili ed è possibile godere della possibilità di restituire la cifra richiesta in rate più contenute grazie a tassi molto competitivi.

Anche il Codacons si è espresso positivamente in merito all’intervento della Bce, sottolineando l’aiuto che questo sarà in grado di fornire alle famiglie. In base a quanto elaborato dall’associazione, il risparmio per gli attuali contraenti dovrebbe consistere in 65 euro all’anno per chi accende un mutuo da 100.000 euro a 30 anni, fino a 97 euro per un mutuo da 150.000 euro a 25 anni.

Si accende quindi la speranza per tutti gli italiani sui quali grava il peso di un mutuo e che, finora, hanno atteso una svolta in positivo che li vedesse riemergere dalla condizione di difficoltà in cui vivevano.

Leggi anche: Primi segni di ripresa del mercato immobiliare

Leave a Reply