Alunni ricicloni e futuri artisti, grazie al Premio internazionale COMEL “Vanna Migliorin”

Prima che si concludesse il Premio d’arte internazionale COMEL “Vanna Migliorin”, lo scorso aprile, presso la galleria COMEL di Latina  (www.premiocomel.it), con l’annuncio del vincitore (l’artista inglese Tony Charles) i titolari della galleria hanno preso una decisione davvero innovativa: incentivare la raccolta differenziata nelle scuole promuovendo l’arte.

Ricordiamo che la particolarità del Premio, unico in Italia, è l’uso artistico dell’alluminio, con attenzione al riciclo e al riuso, grazie all’attivismo di Maria Gabriella e Adriano Mazzola, imprenditori dell’azienda COMEL, leader nel campo dell’alluminio.

I fratelli Mazzola sono noti per il loro neo mecenatismo artistico, destinato ad artisti e performer italiani e stranieri. Quest’anno il Premio “Vanna Migliorin” ha appoggiato un’iniziativa meritevole legata alla raccolta differenziata che si effettua nelle scuole della città di Latina (ancora poco diffusa purtroppo). La prescelta è stata la media “Alessandro Volta”, in cui per tutto l’anno si è effettuata la differenziata di alluminio, carta, plastica (pe/pp/pet) e multi materiale. La raccolta è avvenuta utilizzando scatole artistiche, in cui conferire i materiali, realizzate dagli alunni per ogni classe; i ragazzi hanno così valorizzato sia la creatività sia l’impegno ecologista. Oltre 800 le persone coinvolte nella differenziata all’interno dell’Istituto.

A fine anno scolastico, la classe vincitrice, la 1° A, ha ricevuto chiavette usb (rigorosamente in materiale riciclato e certificato eco), libri a tema ecologista e interculturale e una performance teatrale della compagnia Opera Prima di Latina. Premi anche per le classi 2° A e 1° E, grazie al contributo diretto della professoressa responsabile del progetto Educazione Ambiente della scuola. Fondamentale la sponsorizzazione esterna del Premio d’arte, un chiaro invito a proseguire valorizzando ecologia e arte e anche un bell’esempio che, si spera, altre realtà imprenditoriali come la Comel vorranno imitare.

Leave a Reply