Prima che si concludesse il Premio d’arte internazionale COMEL “Vanna Migliorin”, lo scorso aprile, presso la galleria COMEL di Latina  (www.premiocomel.it), con l’annuncio del vincitore (l’artista inglese Tony Charles) i titolari della galleria hanno preso una decisione davvero innovativa: incentivare la raccolta differenziata nelle scuole promuovendo l’arte.

Ricordiamo che la particolarità del Premio, unico in Italia, è l’uso artistico dell’alluminio, con attenzione al riciclo e al riuso, grazie all’attivismo di Maria Gabriella e Adriano Mazzola, imprenditori dell’azienda COMEL, leader nel campo dell’alluminio.

I fratelli Mazzola sono noti per il loro neo mecenatismo artistico, destinato ad artisti e performer italiani e stranieri. Quest’anno il Premio “Vanna Migliorin” ha appoggiato un’iniziativa meritevole legata alla raccolta differenziata che si effettua nelle scuole della città di Latina (ancora poco diffusa purtroppo). La prescelta è stata la media “Alessandro Volta”, in cui per tutto l’anno si è effettuata la differenziata di alluminio, carta, plastica (pe/pp/pet) e multi materiale. La raccolta è avvenuta utilizzando scatole artistiche, in cui conferire i materiali, realizzate dagli alunni per ogni classe; i ragazzi hanno così valorizzato sia la creatività sia l’impegno ecologista. Oltre 800 le persone coinvolte nella differenziata all’interno dell’Istituto.

A fine anno scolastico, la classe vincitrice, la 1° A, ha ricevuto chiavette usb (rigorosamente in materiale riciclato e certificato eco), libri a tema ecologista e interculturale e una performance teatrale della compagnia Opera Prima di Latina. Premi anche per le classi 2° A e 1° E, grazie al contributo diretto della professoressa responsabile del progetto Educazione Ambiente della scuola. Fondamentale la sponsorizzazione esterna del Premio d’arte, un chiaro invito a proseguire valorizzando ecologia e arte e anche un bell’esempio che, si spera, altre realtà imprenditoriali come la Comel vorranno imitare.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.