Dreamers Day: il 18 ottobre riprendiamoci i sogni

By 2 Ottobre 2015 Novembre 16th, 2018 Eventi

E se fosse vero che non ci hanno detto un sacco di cose? Che ci hanno tenuto nell’ignoranza sulle potenzialità dell’uomo?  Che “divide et impera” è stato il metodo adottato dai poteri forti per dirigerci, controllarci e… accumulare capitali?

Da molto, troppo tempo ormai, siamo piombati in un sonno ipnotico che ci fa vivere una vita di pensieri, parole e azioni meccaniche; siamo imprigionati in una gabbia dorata che limita il nostro spazio d’azione nascondendo alla nostra visione le infinite possibilità che l’universo ci offre per vivere una vita consapevole, libera e felice.

Siamo nati “a immagine e simiglianza” di Dio ma lo abbiamo dimenticato o quanto meno facciamo fatica a crederci. Il nostro lato ombra si è così espanso che il buio, la non-conoscenza e la sofferenza ci hanno fatto sprofondare in uno stato di totale sottomissione ai preconcetti e ai pregiudizi, lasciati circolare per favorire il “divide”, e alle dipendenze indotte dal mercato, che consolidano l’ “impera”. Siamo diventati dei burattini senza fili che hanno perso perfino il ricordo di che cosa voglia dire essere Umani.

Tuttavia non dispero. So, perché lo sento fortemente, che dentro di me esiste un fuoco antico che arde dall’inizio dei tempi e del quale io sono scintilla; so che questa luce divina tutto contiene e da nulla si fa contenere; so che conoscenza, sapienza e potenza sono le sue qualità e, se ancora non so credere con tutta me stessa ai miei poteri divini,  è solo perché le mie cellule portano la memoria del discorso sulla nostra vita e sul mondo che la società, la cultura e la nostra stessa famiglia, nel corso di tutte le nostre esistenze, ci hanno fatto e al quale abbiamo creduto senza ombra di dubbio.

Il vento sta cambiando, cara umanità! Nessuno può tenerti addormentata in eterno!

Quella scintilla brucia dentro te come coscienza collettiva e dentro tutti i tuoi figli singolarmente. Fino a quando ci sarà anche un solo quantum di energia vitale, la speranza sarà salva, sì, la speranza di potercela fare a evolvere e vivere felici e grati su un pianeta sano.

E’ d’obbligo mettersi in viaggio. La meta sei tu stesso. Il metodo è l’Auto osservazione. Gli step da superare sono le zone d’ombra. Lo strumento da scoprire, il Sogno.

Eccola la parola di questo nuovo millennio: Sogno. Scoprire la sostanza di cui è fatto, le sue leggi e i suoi principi. Portarlo nella nostra vita quotidiana sarà il must per compiere un ulteriore passo evolutivo e per la salvezza dell’intero pianeta.

Lo sanno bene i Sognatori che, seguendo il dolce suono del loro Sogno, il prossimo 18 ottobre, a Milano, presso il Teatro Dal Verme, si raduneranno e celebreranno il Dreamers Day, il primo evento dedicato al Sogno e al suo potere creativo.

Unire le energie e scriversi contemporaneamente sul registro della Memoria, darà una spinta propulsiva ai progetti di ciascuno e al Sogno di tutta l’assemblea, che questa giornata sia riconosciuta dall’ONU e proclamata a livello planetario come Dreamers Day – Giornata dei Sognatori.

Ti aspetto! Prenota il tuo posto al Dreamers Day. E ricorda: sogna, sogna, sogna, non smettere mai di sognare. La realtà seguirà.

Rita Valente Picardi

3 Comments

  • marcello ha detto:

    Io ho un sogno irrealizzabile, è da 13 anni che cerco di far capire che non usciremo mai da questa crisi se non ridiamo il giusto valore all’euro, che attualmente vale molto meno della metà, e se non si correggono gli errori del passato questa crisi sarà infinita. Leggete attentamente questa email che da anni invio a tutti……Chi le scrive da fine Marzo 2002 al 9 settembre di quell’anno si trovava a Melbourne, e ancora mi è rimasto impresso un titolo di un articolo che fu pubblicato in prima pagina sul quotidiano Il Globo pubblicato a fine Aprile/Maggio e il cui titolo a caratteri cubitali era:” GLI ITALIANI SONO IMPAZZITI, SEMBRA CHE L’EURO VALGA 1000 LIRE”….
    Il motivo per cui le scrivo è per chiederle di trovare nei vostro archivio la prima pagina con quell’articolo e di inviarmelo..
    Leggendo quell’articolo, la prima cosa che pensai è che si trattasse di un errore, in quanto sino a quando c’ero io in Italia la situazione era ottimale, infatti i per i primi 3 mesi avevamo un euro molto forte, che aveva un potere d’acquisto rispetto all’euro degli altri Paesi dell’Unione Europea di 3 se non di 4 volte, e ciò nonostante gli stipendi italiani da sempre siano i più bassi d’Europa, nonostante ciò il costo della vita e i servizi costavano la metà della metà di quanto costavano nelle altre nazioni europee.
    E di questo se ne accorsero per primi i pensionati europei, che pur prendendo pensioni più alte faticavano ad arrivare a fine mese, e in massa si stavano trasferendo nel nostro paese, da tutta europa, compreso i pensionati inglesi .
    Letta questa notizia sul quotidiano La Nazione, essendo ragioniere, mi venne spontaneo immaginare che quello sarebbe stato solo l’inizio di un incredibile boom economico senza fine, infatti immaginai che a quei prezzi concorrenziali ci sarebbe stato un vertiginoso aumento della produzione e della vendita all’estero di tutti i prodotti made in Italy, e per far fronte alle commesse ci sarebbero state centinaia di migliaia, se non qualche milione di assunzioni, che come conseguenza logica un mese dopo con il primo stipendio avrebbe fatto circolare nuovo denaro acquistando beni di consumo, dando inizio al boom, ma questo sarebbe stato solo l’inizio, avevo immaginato che avremmo rubato turisti a tutte le altre nazioni europee, e avremmo attirato i grandi finanziatori mondiali……
    Ed ero certo di questo, immaginando che a Settembre 2002 una volta rientrato in italia avrei trovato quello che avevo immaginato….invece …..è stato solo l’inizio di un incubo senza fine…..
    Le allego un copia e incolla di un email inviata migliaia di volte a tutte le istituzioni mass media etc.etc.

    QUESTIONE DI INTERESSE NAZIONALE, ALTO TRADIMENTO NEI CONFRONTI DEL POPOLO ITALIANO E SPECULAZIONE SULL’EURO ITALIANO…….
    Alla cortese Attenzione dello Più alte Cariche Istituzionali……
    Si prega di leggere attentamente questa email, non è una petizione ma una Denuncia contro coloro che hanno Tradito gli interessi della Nazione e la Fiducia Del Popolo Italiano e che per ignoranza o ancora peggio, perchè ricattati da altri Governi dell’Unione Europea o accettando di “svendere Il Popolo Italiano” accettando e facendosi accreditare in Paradisi Fiscali somme di denaro vertiginose…..E involontariamente le loro mani sono lorde della morte di migliaia di cittadini che dal fine 2002 ad oggi si sono suicidati per colpa di questa crisi, una media di 370 all’anno, 2 nelle ultime settimane, e di questa situazione sono responsabili Prodi che a quel tempo era Presidente della Comunità Europea, il Governo Berlusconi nella figura del Ministro delle finanze Tremonti e colui che doveva e aveva il compito di vigilare su tutti, l’allora Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.
    E pensare che inizialmente nel 2002, e per i primi 3 mesi noi in Italia avevamo un euro che in confronto all’euro degli altri paesi della comunità europea. valeva più del doppio in rapporto, tanto è vero che molti pensionati europei stavano già venendo ad abitare da noi, dove pur essendo i nostri stipendi tra i più bassi d’europa, i servizi costavano la metà della metà che negli altri Paesi dell’unione.
    E io essendo diplomato ragioniere, e avendo frequentato il corso di statistica, immaginai che quello era solo l’inizio di un boom economico senza precedenti, immaginavo che ci sarebbe stato un aumento esponenziale del consumo interno, con conseguente aumento dell’occupazione, inoltre già immaginavo un aumento in modo esponenziale del prodotto made in Italy nel mondo, e investitori stranieri che avrebbero investito nel nostro Paese…..
    A fine febbraio 2002 fui costretto a chiudere il negozio che avevo a Firenze, perché avevo qualche debito e non mi era riuscito ancora monetizzare una quota di eredità, e questo fatto mi deprimette molto, fortunatamente in quel periodo stavo con una ragazza australiana, che in quel momento stava in Australia, che saputo del mio stato depressivo, senza accennarmi nulla mi inviò una lettera e un biglietto aereo per Melbourne, c’era scritto, invece di startene chiuso in camera tua vieni qui che ti curo io….Partii senza pensarci 2 volte, e immaginavo che al mio rientro in Italia a Settembre avrei vissuto quello che immaginavo, ritrovarmi nel pieno boom economico….
    Invece a Maggio acquistando il quotidiano di lingua italiana Il globo, giornale di Melbourne e leggendo il titolo cubitale in prima pagina, rimasi scioccato e incredulo…non volli assolutamente credere a quello che leggevano i miei occhi….il titolo era…”GLI ITALIANI SONO IMPAZZITI…SEMBRA CHE L’EURO VALGA 1000 LIRE….
    Rimasi basito e incredulo, ma quando rientrai mi resi immediatamente conto che la situazione era ancora più drammatica di quello che potevo immaginare…..A firenze non c’era un turista, i prezzi più che raddoppiati, i negozi erano deserti, commessi licenziati, e i gestori o proprietari stavano sull’uscio aspettando i clienti…io gli passavo accanto, guardavo i prezzi esorbitanti e rivolgendomi allo speculatore di turno lo mandavo a quel paese…
    Ma la cosa peggiore è stata che, Prodi era il presidente della Comunità europea, era uno dei padri dell’euro, ma non ha fatto affatto gli interessi dell’Italia, salvaguardando il valore della moneta, e immagino anche che gli altri partner europei non gradivano affatto che i loro pensionati emigrassero da noi, inoltre, siccome non siamo mai stati amati in Europa, ma solo invidiati, per il clima, l’arte, i paesaggi e per i prodotti made in Italy esportati in tutto il mondo, per cui immagino che abbiano in qualche modo “ricattato” Prodi affinchè non consigliasse il Governo Italiano di vigilare sui prezzi…..Ma la cosa assurda è che lo Stato invece di controllare, ha cavalcato la speculazione aumentando le tariffe……
    E’ da allora che mando email e mi batto per far capire che se non si corre ai ripari….la situazione potrebbe diventare esplosiva, e nel 2004 sapendo che il Ministro Tremonti era ospite di Vespa inviai una email (che per conoscenza gli invierò successivamente)…e il cui titolo era:
    “..Abbiamo già fatto la fine dell’Argentina.. ma ancora nessuno se ne è accorto….”
    Il Ministro Tremonti deve averla letta quell’email, infatti a un certo punto dell’intervista di Vespa, senza che quest’ultimo gli avesse posto la domanda al riguardo, lui disse rivolto alle telecamere che….Noi non avremmo fatto la fine dell’Argentina…
    La crisi mondiale successiva non ha fatto altro che peggiorare la situazione, ma questo ancora non è niente in confronto a quello che ci spetta se non corriamo ai ripari, questa è solo l’onda di risacca, il preludio di uno tzunami
    …che prima o poi ci travolgerà…..
    E il Presidente Del Consiglio, può continuare a credere nelle favole e dire che il peggio è passato, che la crisi è alle spalle, e che a settembre ci sarà la ripresa, neanche lui si rende conto della grave situazione, forse solo chi esporta all’estero, uscirà dalla crisi, in quanto chi vuole importare i prodotti made in italy si deve adeguare ai prezzi al momento….ma chi vive dello stipendio di 1000 euro al mese e i pensionati che sopravvivono con la pensione minima sono destinati a soccombere ed anche il consumo interno sarà destinato a decrescere….
    Il motivo per cui le scrivo è che a quanto la speculazione sull’euro sia stata perpetrata e STUDIATA A TAVOLINO DALLE BANCHE E COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE CHE 4 ANNI PRIMA (1998) CHE IN UNA RIUNIONE DECISERO DI GONFIARE I LORO BILANCI RADDOPPIANDO IL VALORE DELLE MIRIADI DI IMMOBILI DA LORO DETENUTI…..
    COSI NEL 2002 HANNO ATTUATO IL LORO PIANO ATTENTAMENTE PREPARATO METTENDO IN ATTO LA PIU’ GRANDE TRUFFA FINANZIARIA MAI ESCOGITATA, INVOLONTARIAMENTE SONO RIMASTI COINVOLTI ANCHE I PICCOLI PROPRIETARI, POSSESSORI ANCHE DI UN SOLO APPARTAMENTO CHE PRIMA DELL’INTRODUZIONE DELL’EURO IPOTIZZIAMO SIA STATO MESSO IN VENDITA PER 100 MILIONI DI VECCHIE LIRE E CHE QUALCHE MESE DOPO L’INTRODUZIONE DELL’EURO SI SONO VISTI QUEL MEDESIMO APPARTAMENTO VALUTATO 100.000 EURO, DISGRAZIATAMENTE SONO RIUSCITI ANCHE A VENDERLO, IMMAGINANDO DI AVER FATTO L’AFFARE, LO AVREBBERO FATTO SE QUEI SOLDI LI AVESSERO INVESTITI IN UN ALTRA NAZIONE, MA NON AVEVANO MESSO IN PREVENTIVO CHE IL GIORNO DOPO, PER RICOMPRARSI IL MEDESIMO APPARTAMENTO APPENA VENDUTO NON SAREBBERO BASTATI QUEI 100 MILA EURO MA CHE IL PREZZO PER RICOMPRARSELO SAREBBE STATO SUPERIORE AI 110.000 EURO…E IN QUESTO MODO HA PRESO ATTO LA SPECULAZIONE CHE SI E’ ESTESA A MACCHIA D’OLIO SU TUTTE LE ATTIVITA’ ECONOMICHE, I COMMERCIANTI NON SONO STATI A GUARDARE E ANCHE LORO SI SONO ADEGUATI…..SBAGLIO’ BERLUSCONI A DIRE CHE C’ERA LIBERA CONCORRENZA, E CHE PRIMA DI COMPRARE BISOGNAVA CONFRONTARE I PREZZI, BELLE PAROLE, IN UNA NAZIONE DI COMMERCIANTI ONESTI, MA SICCOME TUTTI I COMMERCIANTI AVEVANO AUMENTATO I PREZZI ALLO STESSO VALORE, AL POVERO CONSUMATORE NON E’ RIMASTO ALTRO PER COMPRARE I BENI DI PRIMA NECESSITA’ AD ADEGUARSI……
    LA MIA COMPAGNA BRASILIANA, MI DETTE RAGIONE E MI DISSE CHE UNA SPECULAZIONE SIMILARE AVVENNE ANCHE IN BRASILE QUANDO L’INFLAZIONATA MONETA CHE AVEVANO IL CRUZEIRO FU ABOLITA E AL SUO POSTO FU INTRODOTTO UNA NUOVA MONETA IL REAL CHE FU EQUIPARATO COME VALORE AL DOLLARO AMERICANO……ED ANCHE SE IL CRUZEIRO AVEVA UN VALORE DI CENTINAIA DI VOLTE INFERIORE ALLA NUOVA MONETA, DETTERO AL CRUZEIRO UN VALORE DI 7 VOLTE INFERIORE ALLA NUOVA MONETA.
    UNA VOLTA INTRODOTTO IL REAL ANCHE LA’ I COMMERCIANTI CERCARONO DI SPECULARCI SOPRA AUMENTANDO I PREZZI E DANDO UN VALORE QUASI ALLA PARI TRA CRUZEIRO E REAL, MA IL POPOLO AL CONTRARIO DI NOI ITALIANI, CHE CI SIAMO DIMOSTRATI PECORONI SI RIBELLO’ TANTO E’ VERO CHE IL GOVERNO FU COSTRETTO AD INTERVENIRE, RIPRESE IN MANO L’ULTIMO PREZZIARIO IN CRUZEIRO DI TUTTE LE ATTIVITA’ ECONOMICHE, FECE LA CONVERSIONE AL CENTESIMO IN REAL, OBBLIGO’ ALL’ESPOSIZIONE DEL DOPPIO PREZZO PER 3 ANNI, E PARTIRONO I CONTROLLI A TAPPETO, AI COMMERCIANTI CHE PRATICAVANO PREZZI MAGGIORATI NON SOLO VENIVANO MULTATI MA GLI VENIVA REVOCATA LA LICENZA IN MODO DEFINITIVO…..E I PREZZI COME PER INCANTO TORNARONO ALLA NORMALITA’.
    GIA’ SIAMO STATI INVOLONTARI TESTIMONI DI QUESTA MALEDETTA CRISI ECONOMICA CHE HA SPINTO TANTI ITALIANI AL GESTO PIU’ ESTREMO, E DISGRAZIATAMENTE NON SARANNO GLI ULTIMI, ED IO GIA’ ALLORA AVEVO DESCRITTO SCENARI PEGGIORI, GENTE PENSIONATA SPINTA DALLA DISPERAZIONE A COMMETTERE REATI PER MANGIARE O A RUBARE I BENI PER LA SOPPRAVVIVENZA, IL RITORNO DELLE MINACCE TERRORISTICHE, COSA CHE PUNTUALMENTE SI E’ VERIFICATA, E SE IO FOSSI UN RIVOLUZIONARIO ESTREMO DI QUESTE FRANGE TERRORISTICHE METTEREI IN ATTO UN ESECUZIONE DI UN ALTO FUNZIONARIO DI EQUITALIA, CON L’INTENTO DI FAR INSORGERE LA POPOLAZIONE, SAPRA’ MEGLIO DI ME COMUNQUE CHE QUESTO NON E’ IL SOLO PERICOLO CHE POTREBBE AVVERARSI, SE IL MALCONTENTO CRESCE C’E’ IL RISCHIO CHE SI RISVEGLINO CELLULE DEVIATE DELLO STATO CHE PER DISTOGLIERE L’ATTENZIONE POTREBBERO ATTUARE ATTENTATI (LE COSIDDETTE STRAGI DI STATO), CHE IN MOMENTI PARTICOLARI DELLA NOSTRA BISTRATTATA REPUBBLICA SONO SEMPRE AVVENUTI IN MOMENTI PARTICOLARMENTE DELICATI….
    ESISTE SOLO UN MODO PER USCIRE RAFFORZATI E CON UN EURO DAL VALORE REALE,DOPPIO DI QUELLO CHE ADESSO CI RITROVIAMO NELLE NOSTRE TASCHE, QUELLO CHE UN GOVERNO FORTE E DEMOCRATICAMENTE ELETTO E SE PER CASO LE PROSSIME ELEZIONI DOVESSE VINCERLE IL MOVIMENTO 5 STELLE DI GRILLO, CHE GIA’ SOLAMENTE PER IL FATTO PER AVER SCELTO COME EMBLEMA LA STELLA A 5 PUNTE CHE TANTO MI RICORDA LE BRIGATE ROSSE, PREVEDO CHE GRILLO METTERA’ IN ATTO LA SUA PROPOSTA DI USCIRE DALL’EURO E DI REINTRODURRE LA LIRA…MA CIO’ NON SERVIREBBE A NULLA ANZI, LA SITUAZIONE PEGGIOREREBBE DRASTICAMENTE.
    UN GOVERNO(NON DI GRILLO) DOVREBBE FARE AMMENDA E RICONOSCERE CHE NEL 2002 LO STATO HA MANCATO IL CONTROLLO E CHE L’UNICO MODO PER RIMETTERE LE COSE A POSTO E’ QUELLO DI FARE COME HANNO FATTO IN BRASILE….RIPRENDERE IN MANO TUTTI I LISTINI PREZZI DI TUTTE LE ATTIVITA’ ECONOMICHE IN LIRE (2001) FARE LA CONVERSIONE AL CENTESIMO IN EURO AUMENTANDO ANNO PER ANNO I PREZZI AGGIUNGENDO IL VALORE DERIVANTE DAL TASSO DI INFLAZIONE PROGRAMMATA DAL 2002 AD OGGI, AVREMO COSI’ I PREZZI REALI, CHE SICURAMENTE SAREBBERO INFERIORI DI PIU DELLA META’ DI QUELLI ATTUALI…..SE NON SI FA QUESTO PREVEDO UN FUTURO NERO…..
    SPERO CHE QUALCUNO LEGGA PER INTERO QUESTA LETTERA, E CHE SOTTOPONGA IL SUO CONTENUTO AD ESPERTI, E ESIGO UNA RISPOSTA, SIA CHE ABBIA O MENO FOTOGRAFATO LA SITUAZIONE, E NEL CASO CIO’ CHE HO SCRITTO FOSSE SBAGLIATO E NON RISPECCHIASSE LA REALTA’ DELLA SITUAZIONE VI PREGO DI ILLUMINARMI, COSI SMETTEREI DI DANNARMI L’ANIMA,.
    UN CITTADINO ITALIANO STANCO DI VIVERE IN UN PAESE DI OTTUSI E DI PECORE CHE VORREBBE RITORNARE A ESSERE FIERO DI QUESTA NAZIONE, E SE LE COSE CONTINUASSERO COSI PRIMA O POI CI RITROVEREMMO NELLA STESSA SITUAZIONE DELLA GRECIA E CI SARANNO RIVOLTE E QUEL GIORNO, FORSE CI VORRA’ QUALCHE ANNO, IO AVRO’ RINUNCIATO ALLA MIA CITTADINANZA ITALIANA PREFERENDO QUELLA CHE MI SPETTA DI DIRITTO, QUELLA BRASILIANA, E QUANDO AVVERRA’ CIO’, SENZA ALCUN RIMORSO, IN QUANTO NEL MIO PICCOLO HO CERCATO DI AVVISARE DEL RISCHIO ENORME CHE STIAMO CORRENDO INVIANDO CENTINAIA DI EMAIL TIPO QUESTA A TUTTE LE ISTITUZIONI, QUOTIDIANI ETC…..

  • Fabio ha detto:

    Sono stanco di leggere questi articoli,
    redatti da persone che non sono state accontentate, che cercano solidarietà tra sconfitti, che non riconoscono la simbiosi tra vita in natura e vita in società è che per 5.000€ al mese oltre a non fare propaganda antisociale scriverebbero esattamente del contrario.

    Mi avete stancato.

    Saluti.

    Fabio.

  • marco56 ha detto:

    un piccolo sogno che sparisca la pubblicita’, inutile, ingannevole, persuasore occulto

Leave a Reply