Sport

Italia in finale, Grosso e Del Piero chiudono la partita

di 5 Luglio 2006Aprile 26th, 2018No Comments

A dodici anni dall'ultima finale disputata e persa contro il Brasile a Pasadena, a distanza di ben ventiquattro anni dall'ultimo trionfo in Spagna proprio a spese della Germania, l'Italia di Marcello Lippi si è qualificata per la finale del Mondiale 2006. Al Westfalenstadion di Dortmund, gli azzurri hanno sconfitto per 2-0 ai supplementari la Germania, padrone di casa. Rinverdita così, a dispetto del fattore campo, la tradizione che vede l'Italia prevalere sui tedeschi nelle occasioni che contano oltre a Madrid '82, indimenticabile il 4-3 all'Azteca nella semifinale di Messico '70. Restano sette, invece, le finali conquistate dai tedeschi: l'ultima esattamente quattro anni fa, quando la squadra allora allenata dal ct Rudi Voeller, fu sconfitta 2-0 dal Brasile a Yokohama.L'Italia parte aggressiva. Al 4' missile di Totti su calcio di punizione da oltre trenta metri, ma Lehmann è ben piazzato e blocca all'altezza del palo alla sua destra. Al 13' azione prolungata della Germania, la palla arriva a Podolski che controlla bene al limite e si gira prontamente, ma Cannavaro è attento alle sue spalle e ribatte il pericoloso tiro. Un minuto dopo il capitano azzurro intercetta una palla pericolosa, frutto di una combinazione in area tentata tra Klose e Podolski. Al 16' strepitosa intuizione di Totti che pesca Perrotta, abilissimo ad infilarsi nello spazio offerto dalla difesa centrale tedesca, ma, solo a tu per tu con Lehmann, il centrocampista azzurro calcia debolmente addosso al portiere. Al 31' percussione di Grosso sulla sinistra; il terzino entra in area e serve basso per Toni, che ha tagliato sul primo palo, ma è decisiva la chiusura in anticipo, in scivolata, di Metzelder in angolo. Al 35' colossale palla-gol per Schneider, liberato a destra da un gran passaggio di Podolski: il centrocampista tedesco, però, tutto . . .

Registrati gratis per continuare a leggere questo articolo...

Registrati gratis ora!

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.