Vivere felici allenando il cervello al benessere psicofisico

di 3 Gennaio 2013Benessere

Migliorare la qualità della propria vita allenando il cervello: sembra una battuta, ma è il presupposto di base della “Neuroscienza Affettiva”, disciplina indagata dallo scienziato americano Richard Davidson.

Già nel 2007, Richard J Davidson, ricercatore di Neuroscienze Affettive presso l’Università di Wisconsin, parlava di “plasticità della mente” e di “potenziale malleabilità” del cervello umano: ipotesi elaborate a partire dallo studio dell’attività cerebrale di Matthieu Ricard – monaco buddhista definito all’unanimità “l’uomo più felice del mondo”.

A sei anni di distanza, il dottor Davidson torna a parlare di plasticità del cervello codificando gli elementi di base di una vera e propria ginnastica della mente. In base agli studi di Richard Davidson, il cervello umano si configura come un organo dotato di innata elasticità e recettività rispetto agli impulsi che gli vengono trasmessi.

La Neuroscienza Affettiva, scienza “ibrida” di recente sperimentazione,  si propone come disciplina emotiva basata su una serie di esercizi che hanno lo scopo di allenare il cervello ad elaborare modelli e reazioni comportamentali orientati ad incrementare il benessere psicofisico.

Niente di ostico, beninteso, nulla che abbia a che fare con tecniche da laboratorio: i consigli codificati dal dottor Davidson e raccolti nel libro “The emotional life of your Brain”, benché elaborati con metodi rigorosamente scientifici, sembrano disarmantemente semplici e facili da seguire. Qualcosa, a conti fatti, che ricorda le classiche “ricette della nonn” o precetti di semplice buon senso.

Ecco qualche esempio pratico: desideri potenziare l’ottimismo e la serenità rendendoli atteggiamenti naturali? Tieni un diario dei momenti felici e decora la tua casa con foto che rimandino alle vacanze e a momenti sereni.

Vuoi aumentare la fiducia in te stesso e negli altri? Ringrazia gli interlocutori guardandoli negli occhi e non essere parco di complimenti.

Sei soggetto a reazioni impulsive e soffri di frequenti stati d’ansia? Compila un elenco delle situazioni che ti generano angoscia e pensa ad ognuna di esse inspirando ed espirando profondamente.

Vuoi aumentare il tuo livello di attenzione? Concentrati su un oggetto osservandolo attentamente per 10 minuti ed evitando qualsiasi tipo di distrazione. Alla base di ogni consiglio, però, si presuppone una capacità di concentrazione che rende obbligatoria la familiarità con discipline come yoga e meditazione.

 

 

UNISCITI A NOIScopri finalmente come informarti senza allarmismo, titoli strillati e fake news!

No Comments

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.