Addio aghi, il vaccino diventa spray

Con l’inverno, oltre la neve, le calde coperte e i buoni piatti saporiti arriva purtroppo anche l’influenza. Fortunatamente da anni il vaccino salvaguarda la salute di tanti: una grande invenzione  che ha ridotto sensibilmente la mortalità infantile e le disabilità in tutto il mondo. Molti però sono ancora scettici e preferiscono non prevenire, anche per l’atavica paura degli aghi. La buona notizia è che negli Usa, da qualche anno, si studia la possibilità di inoculare i vaccini attraverso le mucose nasali.

Impresa considerata difficile fino a poco tempo fa, oggi sembra invece a portata di realtà: gli scienziati dell’Università di Harvard negli Stati Uniti hanno infatti ideato un sistema di protezione a base di nanoparticelle costituite da grasso che, avvolgendo i frammenti proteici che costituiscono il vaccino in una sfera a strati, gli permettono di penetrare più facilmente nei polmoni e di rimanerci abbastanza a lungo da generare la risposta immunitaria desiderata.

Quello antinfluenzale  è stato già approvato dalla FDA – sarà in vendita negli Stati Uniti alla fine della prossima estate – e ora sono allo studio e in fase sperimentale i vaccini spray per combattere Hiv, l’Herpes e il Papilloma.

Il vaccino spray antinfluenzale, contenendo parti di virus vivi, va somministrato soltanto a persone sane, nella fascia di età dai 5 ai 49 anni. Costerà un po’ di più – 46 dollari contro i 15 – ma bene spesi per coloro che gli aghi proprio non li sopportano.

UNISCITI A NOIScopri finalmente come informarti senza allarmismo, titoli strillati e fake news!

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.