Società

8 marzo: 24 deputatidiventeranno indossatori per una sera

di 1 Marzo 2008No Comments

L’8 marzo saranno gli uomini a scendere in campo per i diritti delle donne. E’ quanto avverrà durante “All beautiful women”, evento di beneficenza in favore di due Associazioni, Telefono Rosa e Aidos, onlus da oltre 20 anni impegnate nella tutela dei diritti umani delle donne a livello nazionale ed internazionale. Per una sera, 24 deputati del Parlamento italiano diventeranno indossatori e sfileranno con capi di prestigiose griffe dell’alta moda italiana, per raccogliere fondi e per rendere onore alle donne. L’evento vedrà la partecipazione di nomi noti dello spettacolo, da Roberta Capua e Jonis Bascir, che presenteranno la sfilata, a Katia Ricciarelli. L’iniziativa è promossa da Honouring the Women, associazione no profit di recente costituzione. 24 deputati nell’inconsueto ruolo di indossatori, 80 parlamentari sostenitori, 3 prestigiose case di moda (Litrico, Soprani, Testa), 4 main sponsor più una ricca serie di patrocini sono le forze che Honouring the Women è riuscita a mobilitare a sostegno di questo progetto e della filosofia che intende portare avanti: sostenere e promuovere la cultura del rispetto verso le donne.E’ questa, sostiene la presidente Alma Laias, la strada per determinare un’inversione di tendenza rispetto a tante situazioni di violenza o di diritti calpestati. Honouring the Women mette gli uomini al centro di questo impegno. “Ci sono tanti uomini sensibili ed intelligenti che inorridiscono di fronte alle storie di violenza inaudita nei confronti delle donne – osserva Alma Laias - e che spesso non sanno cosa fare e come portare un loro contributo”. La serata ne offre l’occasione puntando su un’arma vincente: la moda. “La moda da sempre è un veicolo di grande impatto e, quando a sfilare sono uomini che fanno tutt’altro nella vita, l’impatto è ancora maggiore. Grazie a questi uomini che si sono messi in gioco, con ironia ed . . .

Registrati gratis per continuare a leggere questo articolo...

Registrati gratis ora!

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.