Ti senti pronto per cambiare il mondo? Hai un’idea d’impresa innovativa e sostenibile, ma non sai da dove partire per realizzarla? Changemahers for Expo Milano 2015 è il programma che fa per te.

Changemakers è un programma di accelerazione di impresa che si rivolge a giovani under 30 che abbiano idee innovative. Il programma è alla ricerca di un’idea innovativa che, passando attraverso l’uso della tecnologia digitale, possa avere un impatto positivo sulla vita di almeno 1 milione di persone.

Per partecipare a Changemakers for Expo Milano 2015 c’è tempo fino al 31 dicembre 2012, ma a una condizione: non è possibile “correre” da soli. Ai fini della selezione, è importante far parte di un team, perché il talento individuale dev’essere accompagnato anche dalla capacità di fare “gioco di squadra” ed è per questo che sono ammesse solo candidature in team.

Il progetto deve essere relativo ad uno dei seguenti 10 temi-chiave:

• alimentazione sana, sicura e sufficiente;
• mobilità delle persone e delle cose;
• conservazione e produttività delle risorse naturali;
• lotta all’inquinamento;
• domotica ed efficienza energetica degli edifici;
• benessere, prevenzione e cura;
• educazione e formazione;
• accoglienza e gestione flussi turistici;
• conservazione, valorizzazione e fruizione dei beni culturali;
• export e la promozione delle economie locali;
• sicurezza dei cittadini e del territorio.

Ogni progetto, per essere ammesso al programma Changemakers, dovrà focalizzarsi, in particolare, su due aspetti: la tecnologia digitale (software, reti, applicazioni web e mobile che - ad esempio - trasformino una città in una vera “smart city”) e la sostenibilità (quella a lungo termine, che tiene in considerazione le generazioni future).

Entro la fine di gennaio 2013, i progetti e i team più convincenti per ogni singolo tema-chiave saranno contattati e, entro il 10 febbraio 2013, selezionati . . .

Registrati gratis per continuare a leggere questo articolo...

Registrati gratis ora!

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.