Spending review: software libero e cloud per la PA

di 3 Luglio 2012Marzo 5th, 2017Attualità

Adozione del software libero, database condivisi sul cloud e anche i server sulla “nuvola”: ecco una una serie di semplici ricette tecnologiche che potrebbero servire a ridurre il “digital divide” della nostra PA e contribuire in maniera concreta e sensibile alla “spending review”. E’ quanto ha dichiarato alla stampa Flavia Marzano, docente di tecnologia per l’amministrazione digitale alla Sapienza di Roma. 

Queste semplici innovazioni “porterebbero grandi vantaggi e notevoli risparmi, anche se non immediati. Ma se non si inizia, non succede mai”, ha dichiarato Flavia Marzano, esperta di innovazione nella PA.

Attiva la tua membership e ricevi buone notizie ogni settimana!Non perderti questa Offerta Limitata (solo per i primi 100)
  • Newsletter settimanale
  • Sconti sui prossimi eventi live
  • eBook gratuiti

L’adozione del software libero, quindi, insieme ad acquisti centralizzati di un unico programma valido per tutte le realtà, e a database e server condivisi su cloud, sono operazioni semplici ed efficaci che potrebbero davvero “fare la differenza” nella nostra PA.  Perché l’innovazione digitale produce risparmi efficienza amministrativa e anche promozione turistica. Parola di esperti.

 

Fonte:  www.ansa.it

 

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ISCRIVITI SUBITO ALLA NEWSLETTER e RICEVI L'ESTRATTO GRATUITO del primo libro mai scritto in Italia sul Giornalismo Costruttivo!