Prefetti in prima linea contro mafie e corruzione

di 27 Settembre 2012Marzo 5th, 2017Attualità

“Bisogna rafforzare la rete prefettizia sul territorio mettendo a fattor comune le esperienze acquisite per migliorare l’attività di prevenzione nella lotta alla corruzione e alle mafie”. Sono le parole pronunciate dal Ministro dell’Interno, Annamaria Cancellieri, durante l’intervento di chiusura dei lavori del “Seminario di studio in tema di antimafia e anticorruzione” svoltosi presso la Scuola Superiore dell’Amministrazione dell’Interno.

Il Ministro dell’Interno ha sottolineato l’importanza del seminario – rivolto a prefetti, magistrati, rappresentanti del mondo accademico e dei corpi di Polizia – che “ha costituito un momento di approfondimento e confronto sulle competenze dei prefetti, alla luce dell’evoluzione normativa in materia, con analisi e riflessioni su aspetti particolarmente significativi delle esperienze maturate sul territorio“. “Il Ministero dell’Interno”, ha proseguito Annamaria Cancellieri, “costituisce un solido punto di riferimento per le sfide istituzionali che si presentano nell’attuale panorama di tensioni socio economiche nel nostro Paese”.

Il capo di Gabinetto del Ministro dell’Interno, Giuseppe Procaccini, ha sottolineato come l’azione dei prefetti deve essere la risposta dello Stato per aggredire i beni della criminalità organizzata e per far cadere tutte le sue certezze e le sue sicurezze, contribuendo a rappresentare sempre più l’immagine di un’Amministrazione attiva e coinvolta sui temi della corruzione per uno Stato che fa squadra.

Tra gli altri, hanno partecipato ai lavori anche il presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati, Rodolfo Sabelli, con un intervento dedicato alle disposizioni correttive al Codice antimafia, e il prefetto di Milano, Gianvalerio Lombardi, con un approfondimento del tema relativo alla prevenzione antimafia in vista dell’Expo 2015.

 

UNISCITI A NOIScopri finalmente come informarti senza allarmismo, titoli strillati e fake news!

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.