UE: giro di vite contro corruzione e frodi nelle Istituzioni

By 7 Dicembre 2012 marzo 5th, 2017 Attualità

Giro di vite della Commissione europea contro la corruzione e le frodi all’interno delle proprie Istituzioni, da combattere anche attraverso denunce anonime. Bruxelles ha varato una serie di nuovi orientamenti per incoraggiare le denunce da parte del personale UE, rendendole ”obbligatorie” e invitando a ”scavalcare completamente i propri superiori gerarchici” offrendo al tempo stesso ”salda protezione a chi denuncia irregolarità in buona fede”.

Tra i principali elementi dei nuovi orientamenti europei: l’obbligatorietà della segnalazione delle irregolarità; la possibilità di scegliere una serie di canali di comunicazioni con l’invito a ”scavalcare completamente i propri superiori gerarchici” e con la possibilità ”come ultima risorsa e a determinate condizioni” di ”rivolgersi a un’altra istituzione” della UE; tolleranza zero per ”eventuali ritorsioni contro gli autori di denunce”;

Inoltre: protezione per i denuncianti, la cui identità, se lo desiderano, non deve essere rivelata; garanzia di non penalizzazione per i denuncianti nelle procedure di valutazione e promozione del personale; sostegno ai denuncianti che chiedono di cambiare posto di lavoro perché temono reazioni ostili.

Lanciando le nuove norme di comportamento la Commissione fa notare che i suoi regolamenti sono già tra i più severi al mondo, ma ciò nonostante non producono in media più di cinque denunce l’anno all’Olaf, l’ufficio Antifrode Europeo.

Fonte:  ANSA

 

Leave a Reply