Come meglio celebrare il ricordo di Paolo Borsellino, il magistrato ucciso dalla mafia 22 anni fa il 19 luglio, se non raccontando storie che, proprio dalle ceneri della malavita, sono riuscite a costruire  iniziative e aziende non solo economicamente floride, ma profondamente orientata alla legalità.

Siamo a Trapani, alla “Calcestruzzi Ericina”, una cooperativa sorta su un terreno confiscato alla mafia. Qui le visite delle scolaresche “fioccano” letteralmente. Fra i bambini che ascoltano la storia dello stabilimento ce n’è uno che è più curioso e stupito degli altri. “E quindi tutto questo prima era della mafia?

Questo contenuto è riservato agli iscritti!
Vuoi stare subito meglio leggendo buone notizie?

Gratis

0.00

Accesso gratuito

  • Accesso ai contenuti standard di BuoneNotizie.it
  • eBook integrale “Giornalismo Costruttivo
  • eBook “Quello che i media non ti hanno mai raccontato
  • Newsletter settimanale con le migliori buone notizie
  • SCONTO per i prossimi eventi LIVE

Registrati gratis ora!

AbbonamentoSe vuoi fare la differenza

4.97

al mese

  • Accesso a tutti i contenuti di BuoneNotizie.it
  • eBook integrale “Giornalismo Costruttivo
  • eBook “Quello che i media non ti hanno mai raccontato
  • Newsletter settimanale con le migliori buone notizie
  • SCONTO per i prossimi eventi LIVE

Abbonati subito