Finalmente ha potuto riaccendere i motori e partire alla volta di Gaza dopo 50 giorni di fermo forzato. Cibo, medicine, due ambulanze. La carovana di aiuti raccolti a suon di concerti dall'associazione italiana "Music for Peace" ce l'ha fatta a superare i controlli delle autorità egiziane e si sta ora dirigendo verso la meta: la Striscia di Gaza.

"Music for Peace" è una realtà che data ormai tre decadi. "L’associazione nasce nel 1994 da un’idea di Stefano Rebora, attuale presidente – racconta Gianluca Caviglia, volontario di "Music for Peace" – Stefano lavorava da anni come direttore artistico nei locali notturni quando ha pensato che il divertimento si potesse coniugare con la beneficienza. Da lì, l’idea di organizzare serate musicali a ingresso gratuito: l’unico “biglietto”, beni di prima necessità, medicine o alimenti da donare" Un'iniziativa intelligente, che punta a conciliare il settore dell'intrattenimento con l'esigenza di supportare materialmente le realtà colpite dalla guerra puntando sulla generosità dei molti - tanti - che aderiscono all'iniziativa da anni.

Leggi anche: Kabul, palloncini rosa per volare via la guerra

L'associazione è infatti intervenuta negli anni passati nell'ambito di diversi conflitti in Bosnia, in Kosovo e in Afghanistan. I "creativi della notte" sono ormai ampiamente conosciuti. Non stupisce quindi l'ingente quantità di aiuti che anche questa volta la Onlus è riuscita a raccogliere: sei container di apparecchiature mediche, medicine, attrezzature per disabili, cibo, alimenti per bambini. In tutto, 100 tonnellate di materiale di diversa natura e utilità. Più 2 ambulanze.

Registrati gratis per continuare a leggere questo articolo...

Registrati gratis ora!

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.