Chiara Saraceno, laureata in filosofia, docente di Sociologia della Famiglia presso la facoltà di scienze politiche all’università di  Torino, professoressa di ricerca presso il Wissenschaftszentrum für Sozialforschung di Berlino, con il suo ultimo libro aiuta a riflettere su possibili scelte future per una maggiore giustizia sociale ed economica.

Secondo la scrittrice, che in passato è stata anche Presidente della commissione governativa sugli studi della povertà, le linee da adottare per uscire dallo stallo economico e dall’ingiustizia economica e sociale sono evidenti: aumento degli stipendi, ridistribuzione della ricchezza.

I suoi suggerimenti nascono alla luce di una meticolosa raccolta di dati che riguarda la situazione delle famiglie italiane, ricche e povere.

Tra i molti dati raccolti nel suo testo, due disegnano con lucidità i percorsi dei due punti estremi.

Innanzitutto la ricchezza. Da dove nasce? Secondo l’Oxfam il 43% della ricchezza è creata da legami forti con i poteri, quasi tutta la restante ricchezza sarebbe ottenuta per via ereditaria.

Per quanto riguarda la povertà, un dato spicca tra gli altri: in Italia, la maggior parte delle famiglie classificate come povere hanno almeno un componente che lavora.

Alla luce di questi approfondimenti è evidente la necessità di politiche salariali diverse. La ricchezza prodotta dall’azienda dovrebbe essere ridistribuita in modo più equo tra i componenti del processo e successo produttivo. Spesso si riscontra un aumento considerevole solo a livello dirigenziale, senza una sostanziosa ricaduta sugli altri lavoratori, come se non fossero anch’essi parte del successo di un progetto produttivo. Questo avviene non solo in ambito privato, ma anche, e soprattutto, nel settore pubblico, dove il gap tra lo stipendio delle fasce dirigenziali può essere fino a 40 volte superiore . . .

Registrati gratis per continuare a leggere questo articolo...

Registrati gratis ora!

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.