Il 3 maggio si celebra la Giornata Internazionale della Libertà di Stampa. BuoneNotizie.it ha aderito alla Giornata Nazionale dell’Informazione Costruttiva organizzata da movimento Mezzopieno, parlando di giornalismo costruttivo e celebrando questo importante appuntamento.

Il giornalismo costruttivo: più soluzioni a notizie concrete

Vi siete mai chiesti che fine fanno alcune notizie? Per settimane sentiamo parlare di un tema e poi, improvvisamente, più nulla. Pensiamo al caso del Myanmar e della guerra civile: che fine ha fatto Aung San Suu Kyi? Oppure pensiamo al costante senso di oppressione che si prova leggendo gli articoli di giornale, con parole come “morte, guerra, missili”, che suscitano nei lettori paura e divisione. Il linguaggio e le parole sono importanti. Prevalgono accuse, problemi, scandali, e non vi è spazio per le soluzioni. Sono questi i nemici del giornalismo di oggi: l’assenza di soluzioni, la mancanza di continuità nello sviluppo delle notizie e il conseguente senso di pessimismo e assuefazione alle notizie negative.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici

Il giornalismo costruttivo mira a combattere la precarietà dell’informazione. In un sistema di informazioni rapide e alla portata di un click, è davvero difficile fare del buon giornalismo. Il giornalismo costruttivo ha la missione di informare in modo non superficiale. Le notizie non sono soltanto una raccolta di parole, ma domande a cui si deve dare risposta, incluse le soluzioni.

È questa la parola chiave a cui tutti noi, editori, giornalisti e lettori, dovremmo ambire: cercare le soluzioni ad un problema, e non limitarsi a parlare solo del problema. È evidente che ci siano anche problemi importanti, come le guerre in corso, ma cosa possiamo fare per ricostruire, per accogliere o per trovare una proposta concreta e costruttiva?

Il giornalismo che dialoga con i lettori

Esistono notizie “buone” o “cattive”, ma soprattutto esiste un giornalismo “buono” e uno “cattivo”. L’obiettivo è quindi celebrare la libertà di stampa dando la possibilità ai lettori di orientarsi sulle soluzioni. Nella maniera più neutrale e ampia possibile, il giornalismo costruttivo diventa così un mezzo per aiutare i lettori a ragionare sulla notizia e non a viverla con passività.

La libertà di stampa passa dunque per il giornalismo costruttivo, in tutte le sue forme. È il giornalismo del problem solving, del dialogo e della logica. Maggiori informazioni sulla Giornata Nazionale dell’Informazione Costruttiva sul sito ufficiale.

Condividi su:
Edoardo Casolo

Edoardo Casolo

Edoardo Casolo sono appassionato di geopolitica, cinema e cultura, di viaggi e di industria video-ludica. Vicentino ma vivo a Venezia, città che ho amato dal primo momento in cui l'ho vista. Con il laboratorio di giornalismo cerco di realizzare il mio sogno di diventare pubblicista.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici