Cultura & Tempo Libero

Grande successo per la 47° edizione del Salone delMobile

di 21 Aprile 2008No Comments

A poche ore dalla sua chiusura, il Salone internazionale del Mobile, edizione 2008, è già il Salone dei record. Rosario Messina e Manlio Armellini, presidente ed amministratore delegato del Cosmit, l’ente che organizza il Salone, parlano di un incremento del 20% di visitatori rispetto al 2007. La città è dovuta correre ai ripari approntando dei “rinforzi” in termini organizzativi: oltre ad un incremento dei trasporti cittadini, si è dovuto prolungare l’orario di apertura dei padiglioni del polo fieristico di Rho-Pero, dalle 18.30 alle 20.30. Un successo in parte annunciato dall’andamento positivo del 2007: l’anno scorso il fatturato dell’arredamento italiano ha registrato un più 4,5 %, se si considera il comparto legno arredamento nel suo insieme: con 39,8 miliardi di euro di fatturato l’industria italiana del legno-arredo è la prima in Europa e la seconda al mondo (dopo la Cina). D’altra parte gli esperti del settore assicurano che la qualità dei nostri prodotti è riconosciuta in tutto il mondo e che nei primi due mesi del 2008 sono aumentate le esportazioni dei mobili italiani al di fuori dell’Unione Europea. La vera sfida per il futuro è puntare su una miglior organizzazione della distribuzione a livello nazionale, che consenta anche alle piccole imprese di sbarcare nel nuovo continente. Fra i settori più dinamici si confermano l’ambiente bagno e la cucina. Il trend positivo si collega alla centralità nelle tendenze progettuali che i due ambienti stanno assumendo all’interno dell’organizzazione degli spazi domestici. Anche il Salone Ufficio (ex Eimu) si attesta come vetrina incontrastata per la produzione del settore. Per quest’anno il tema è “Ufficio Fabbrica Creativa”, ovvero l’ufficio come luogo della produzione intellettuale in cui si realizza la maggior quota di valore aggiunto nell'era dell'economia della conoscenza.Accanto alle grandi . . .

Registrati gratis per continuare a leggere questo articolo...

Registrati gratis ora!

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.