Abdullay Kadal Traore, alias Ablo, musicista del Burkina Faso, vive a Milano e suona in vari complessi musicali

Artisti provenienti da diverse aree geografiche creano un percorso nomade, politico e culturale, quasi un giro del mondo immaginario attraverso la trasformazione sociale della realtà: “You-We” è il titolo della mostra inaugurata a Milano, che presenta 25 video dalla Collezione Sandretto Re Rebaudengo. Nella suggestiva cornice della Rotonda della Besana, l’arte diventa uno spazio di convivenza fra culture diverse, dove le dissonanze da ostacolo si trasformano in nuova risorsa.

Il titolo You-We è un gioco fonetico che richiama un suono asiatico, ma che in inglese significa tu-noi, un rapporto con l’altro che non è più di opposizione. Attraverso differenti approcci e punti di vista, gli artisti presenti in mostra riflettono sugli scambi continui tra il tu e il noi e sulla ricchezza che potrebbe derivare dall’integrazione fra culture differenti.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici

Come sottolinea Francesco Bonami, direttore artistico della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo e curatore della mostra, “il nomadismo del quale parlano questi artisti non è semplicemente geografico ma è soprattutto quello di modelli culturali che si sono spostati senza muoversi attraverso la rete, stili di vita e di pensiero che hanno influenzato e rese ibride società altrimenti molto diverse”.

A coronamento della mostra “You-We” viene inoltre presentato il progetto “Ablo”: dieci giovani artisti italiani sono stati invitati a creare un video “a soggetto” che vede come protagonista Abdullay Kadal Traore. Ablo, come si fa comunemente chiamare, è un musicista griot del Burkina Faso che vive da sette anni a Milano suonando in vari complessi musicali, tra cui la milanese e multietnica “Orchestra di via Padova” e il gruppo “Sinitah”. I dieci video sono presentati e proiettati tutti insieme, uno dietro l’altro, costituendo un lavoro unico, in cui la stessa persona è vista secondo le diverse sensibilità e secondo i diversi punti di vista di chi lo ritrae. Ablo è la conclusione simbolica di una mostra che vuole raccontare come ogni società trovi la propria ricchezza attraverso lo scambio e l’incontro continuo della propria cultura con quelle diverse da sé.

“You-We+Ablo”
Rotonda di via Besana. Via Besana 12, Milano
Tel. 02.88.46.56.77. Orari: 9.30-19.30; gio. 9.30-22.30
Fino all’8 luglio 2010

Condividi su:
Avatar photo

Chiara Cinelli

Ho collaborato con BuoneNotizie.it per due anni e ho così potuto presentare la domanda di iscrizione all'albo. Grazie alle competenze acquisite nel laboratorio di giornalismo, mi sono messa in proprio e oggi mi occupo di ufficio stampa nel settore della salute e dell'arte.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici