Nel contesto attuale, caratterizzato da una significativa inflazione dovuta al rialzo dei prezzi, agli aumenti delle tariffe energetiche post-pandemia e alle conseguenze delle guerre, i conti deposito vincolati sono oggetto di crescente interesse come strumento di protezione finanziaria.

Il conto corrente vincolato rappresenta una forma specifica di investimento in cui i fondi depositati non sono disponibili per il prelievo prima della scadenza del periodo di vincolo stabilito dal titolare.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici

Questo strumento offre la possibilità di rendere più proficui i risparmi nel tempo, con l’accumulo di interessi aggiuntivi rispetto a un conto deposito libero.

L’interesse accumulato viene solitamente accreditato alla scadenza del vincolo o in base a cadenze prestabilite, come trimestrali o semestrali.

Rispetto ai conti deposito liberi, quelli vincolati offrono generalmente un tasso d’interesse più elevato e presentano un rischio inferiore, essendo i fondi immobilizzati per un periodo che può variare da breve (come un mese) a lungo termine (fino a cinque anni).

Alcune offerte bancarie includono conti deposito svincolabili, che permettono al titolare di rimuovere il vincolo temporale sui fondi depositati, rendendoli nuovamente disponibili.

La rimozione dell’obbligazione può comportare una penale o essere gratuita, a seconda dei termini del contratto. Una volta svincolati, i fondi possono essere prelevati, trasferiti sul conto corrente principale o reimpostati nuovamente sotto obbligazione.

Di seguito sono elencati i tre vantaggi principali di aprire tale tipologia di conto, ovvero la bassa percentuale di rischio, l’apertura senza costi, e la gestione tramite app e dispositivi mobili.

Tutelare il capitale e bassa percentuale di rischio

Nel contesto socio-economico odierno, uno dei vantaggi più interessanti tra quelli offerti dal conto deposito vincolato è la sua validità come soluzione per tutelare il capitale, garantendo al contempo un modesto rendimento sulle somme depositate.

L’assenza di rischi associati all’apertura di un conto deposito vincolato è dovuta all’assicurazione fornita dalle banche su questo tipo di prodotto.

Considerando il conto deposito come un metodo di risparmio sicuro, questa opzione è interessante per coloro che desiderano far fruttare liquidità extra sul proprio conto corrente, mitigando gli effetti dell’inflazione sul proprio potere d’acquisto personale.

Zero spese

Il conto deposito rappresenta un investimento conveniente anche considerando i costi e le spese ad esso associati, che sono praticamente assenti. Non vi sono infatti costi di apertura per un conto deposito vincolato, né è richiesto un canone mensile per il suo mantenimento.

Si tratta di una soluzione a zero spese, flessibile e accessibile direttamente online. Aprire un conto deposito è un procedimento molto semplice e senza spese, che può essere completato online in pochi passaggi.

Gestione tramite app e dispositivi mobili

La maggior parte delle banche mettono a disposizione un servizio di banking online. Esso permette di gestire comodamente il conto tramite web, accedendo in qualsiasi momento del giorno o della notte, 24 ore su 24, e operando con semplicità, rapidità e massima sicurezza.

Il sistema offre diverse funzioni che semplificano la gestione e il monitoraggio del conto, consentendo agli utenti di personalizzare l’esperienza in base alle proprie esigenze.

È possibile riorganizzare le applicazioni e le informazioni principali, creare budget e categorie di spesa, aggiornare la rubrica e selezionare operazioni frequenti per eseguirle più rapidamente in futuro.

Inoltre, tramite il servizio online si ha modo di contattare rapidamente i numeri utili per problemi tecnici, informazioni di carattere commerciale o per richiedere il blocco delle carte in caso di necessità.

Condividi su:
Avatar photo

Dario Portaccio

Laureato in Informazione, Editoria e Giornalismo, oggi collaboro con BuoneNotizie.it grazie al percorso di formazione biennale dell'Associazione Italiana Giornalismo Costruttivo, con cui sono diventato giornalista pubblicista.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici