Da oggi, il panorama dell’informazione medico-scientifica online si arricchisce del sito Radiochirurgia.tv che ha lo scopo di presentare la tecnica del CyberKnife, la più avanzata e precisa al mondo per il trattamento di alcune patologie tumorali, e approfondirne i campi di applicazione tramite interviste non solo ad esperti e medici di fama internazionale, ma anche a pazienti che hanno già affrontato il trattamento.

In occasione del CyberKnife Meeting EPDC - European Protocol Development Committee, è stato ufficialmente lanciato il primo sito nazionale sulla Radiochirurgia con Sistema Cyberknife, che descrive le esperienze dei Centri italiani utilizzatori del Cyberknife a Vicenza, Milano, Firenze e Messina. Ricco di interviste sia ai Team (Radioterapisti, Chirurghi e Fisici) che utilizzano l’apparecchiatura in Italia, sia a pazienti che sono guariti grazie al trattamento, questo sito vuole generare informazione sul Sistema Cyberknife, incentivare la comunicazione tra i medici utilizzatori, diventare un punto di riferimento per i pazienti italiani, oltre che un punto di ritrovo "virtuale" (forum) per gli specialisti che si vogliono confrontare con i propri colleghi sull’utilizzo di questa tecnologia.

Il dominio “.tv” è stato appositamente scelto per dare maggiore rilievo all’aspetto di comunicazione “diretta” dei numerosi video che animano il sito, visibili anche su YouTube per consentire una maggiore diffusione e affluenza di utenti.

La terapia radiochirurgica è una tecnica che adopera alte dosi di radiazioni per colpire con grandissima precisione il tumore, in modalità non invasiva e con intento paragonabile a quello della chirurgia tradizionale.

Negli ultimi anni l’introduzione del Sistema CyberKnife ha rivoluzionato la terapia radiochirurgica, non solo per il trattamento dei tumori cerebrali, ma anche per quelli extra-cranici (ambito questo che amplia notevolmente il raggio d’azione del CyberKnife rispetto alle altre tecnologie disponibili che non sono, ad oggi, in grado di allargarsi al . . .

Registrati gratis per continuare a leggere questo articolo...

Registrati gratis ora!

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.