Eolico: in arrivo le pale biodegradabili

di 29 Novembre 2012Sostenibilità

Il futuro dell’eolico è ancora più verde grazie alle pale biodegradabili. E’ questa l’ultima novità in fatto di soluzioni che rendano la produzione di energia dal vento ancora più ecosostenibile. L’invenzione arriva dagli USA e, precisamente, dalla collaborazione tra la University of Massachusetts Lowell e la Wichita State University.

Il nuovo impianto eolico dotato di pale biodegradabili, secondo quanto affermato dal responsabile del progetto, Prof. Christopher Niezrecki, sarà realizzato con polimeri generati da materie prime sostenibili e compatibili con il successivo smaltimento a fine vita.

Attiva la tua membership e ricevi buone notizie ogni settimana!Non perderti questa Offerta Limitata (solo per i primi 100)
  • Newsletter settimanale
  • Sconti sui prossimi eventi live
  • eBook gratuiti

Si tratta di resine derivate da oli vegetali, facilmente recuperabili e riciclabili rispetto a quanto avviene per le attuali componentistiche. Una soluzione che permetterebbe di far fronte ad uno dei maggiori problemi per l’energia eolica dei prossimi anni: lo smaltimento degli impianti al termine del proprio ciclo di attività.

Il progetto ha già ricevuto dalla NSF (National Science Foundation) fondi per circa due milioni di dollari: “Con 1,9 milioni dollari di sovvenzioni dal NSF”, ha dichiarato Niezrecki, cercheremo di capire come questi materiali possano essere applicati all’industria eolica e a tutti i prodotti a base di fibra di vetro. Questo studio si propone di sostituire le resine epossidiche a base di petrolio, attualmente in uso nelle pale delle turbine, con materiali più eco-compatibili. Dovremo anche valutare e comprendere l’impatto che questa conversione delle pale avrà sull’economia, sull’industria eolica, l’ambiente e la società”.

Fonte:  GreenStyle

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ISCRIVITI SUBITO ALLA NEWSLETTER e RICEVI L'ESTRATTO GRATUITO del primo libro mai scritto in Italia sul Giornalismo Costruttivo!