Unione Europea, storico sorpasso delle energie rinnovabili sulle fossili

di 2 Agosto 2020Dicembre 7th, 2020Sostenibilità
sorpasso delle energie rinnovabili sulle fossili

L’elettricità prodotta nell’Unione Europea in questa prima metà del 2020 si tinge di verde per il 40%.

+3% è la poca ma importante differenza che alimenta la speranza sempre più concreta di poter vivere in un pianeta meno inquinato. Il sorpasso produttivo dell’energia rinnovabile non è avvenuto in una piccola nazione dov’è tutto facile da sperimentare e mettere in atto, bensì in tutti i 27 paesi dell’Unione Europea.

L’Europa compie il miracolo, un successo storico e impensabile solo pochi anni fa. Quando le prime pale eoliche vennero impiantate, le prime dighe innalzate, i primi pannelli installati e vi furono anche i primi ricavi energetici dalle biomasse, pochi avrebbero scommesso che in così poco tempo quelle fonti sarebbero diventate una seria alternativa per il settore fossile.

Attiva la tua membership e ricevi buone notizie ogni settimana!Non perderti questa Offerta Limitata (solo per i primi 100)
  • Newsletter settimanale
  • Sconti sui prossimi eventi live
  • eBook gratuiti

I risultati delle energie rinnovabili

Le energie rinnovabili hanno dato un bel 11% di elettricità in più in questa prima metà del 2020 rispetto alla prima metà del 2019. Solo eolico e solare generano il 21% dell’elettricità europea. Nel 2016 erano ferme al 13%. In Danimarca, sole e vento danno il 64% del fabbisogno energetico, in Irlanda siamo al 49% e in Germania al 42%. L’Italia è poco sopra il 24%.

Coraggio e volontà ci sono

Coraggio e volontà trainano l’Europa verso iniziative sempre più verdi: dall’idrogeno all’impegno di liberarsi definitivamente del carbone, l’obiettivo rimane quello di ridurre le emissioni di gas a zero. Le nuove iniziative europee nel settore delle energie rinnovabili sono all’ordine del giorno. È confortante sapere che il Portogallo ha ridotto l’impiego di carbone del 95%, la Spagna del 54%, mentre Austria e Svezia hanno chiuso le loro ultime centrali.

Se in origine il termine “ambientalismo” sembrava contrapporsi al termine “sviluppo economico”, ora pare essere diventata la parola d’ordine dello sviluppo economico stesso.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ISCRIVITI SUBITO ALLA NEWSLETTER e RICEVI L'ESTRATTO GRATUITO del primo libro mai scritto in Italia sul Giornalismo Costruttivo!