Un italiano alla guida del programma di ricerca e innovazione dell’UE. E le altre buone notizie di oggi

By 10 Ottobre 2019 Attualità

È italiano il nuovo Presidente dell’Horizon Europe Cancer Mission Board, il programma di ricerca e innovazione dell’UE il cui compito è quello di trovare soluzioni ad alcune delle problematiche attuali, come il cancro e i cambiamenti climatici. Il suo nome è Walter Ricciardi, docente di igiene e sanità pubblica presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore ed ex-presidente dell’Istituto Superiore di Sanità.

A proposito di cure contro il cancro, lunedì scorso sono stati insigniti del premio Nobel tre ricercatori per aver aperto nuove strade alla cura ai tumori attraverso le loro scoperte. In attesa di nuovi studi e ricerche che permetteranno di combattere queste malattie, hai mai pensato ai progressi già compiuti dall’umanità in campo medico e alle scoperte che salvano la vita? Scoprile in questa infografica.

D’altra parte a volte è necessario allargare lo sguardo per comprendere che in realtà stiamo vivendo nell’epoca migliore di sempre (citando Steven Pinker). Dobbiamo solo sapere come riconoscerlo: ecco come puoi fare.

Torniamo a parlare di mobilità sostenibile. Le auto elettriche saranno le vere protagoniste degli anni a venire, insieme a quelle a guida autonoma. Come ci stiamo preparando a un cambiamento così importante? Un’iniziativa dedicata agli alunni delle scuole elementari di tutta Italia cerca di rispondere a questa domanda. Si chiama “La Mobilità si fa in 4” ed è incentrata su 4 pilastri: sicurezza, sostenibilità, tecnologia e condivisione.

Oggi e domani c’è il Festival dell’Acqua a Venezia presso la Fondazione Guerini Stampalia. Tra i vari temi saranno affrontati quelli relativi all’impatto delle risorse idriche sull’ambiente e alla gestione dei rischi idrogeologici. Sull’importanza dell’acqua ne abbiamo parlato anche in occasione della pubblicazione del recente rapporto Unicef e OMS secondo il quale il 33% della popolazione mondiale non ha accesso all’acqua. Ma è davvero così?

Dulcis in fundo una bellissima storia, con lieto fine e costruttivo. E’ quella di Elsa Radaelli, una ex alcolista uscita con successo dalla dipendenza dall’alcol grazie ad una forza di volontà fuori dal comune. Ma soprattutto grazie alla consapevolezza del problema e al coraggioso gesto di chiedere aiuto.

Leave a Reply