Nuovo ponte Morandi: restituita a Genova un’arteria fondamentale. Ma non si potrà subito tornare a circolare

 

L’inaugurazione del nuovo ponte di Genova, insieme ai nomi, le storie, le famiglie che hanno visto crollare la propria esistenza quel 14 agosto 2018 assieme ai 250 metri di viadotto sotto la pioggia incessante, sarà oggi lunedì 3 agosto.

Ad inaugurare il nuovo viadotto San Giorgio, questo pomeriggio alle 18.30 (in diretta tv su Rai1), sarà il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, assieme ai lavoratori che hanno demolito i resti del ponte Morandi e hanno costruito il nuovo. Assieme al presidente Mattarella il sindaco di Genova, Marco Bucci, l’architetto Renzo Piano i quali percorreranno a piedi tutto il nuovo ponte di Genova.

“Quest’opera è il simbolo della nuova Italia che si rialza – ha detto il Premier Conte – questa festa nasce da una tragedia”. Alla lettura dei nomi delle 43 vittime seguiranno tre minuti di silenzio. Ma i familiari non ci saranno. “Questo ponte non ci appartiene – ha chiarito Egle Possetti, presidente del Comitato parenti vittime – essere lì sopra per noi sarebbe molto difficile. Sarebbe stato meglio rivedere la concessione prima del varo del nuovo ponte. Niente polemiche ma un auspicio: speriamo che tutto possa essere gestito in modo diverso: chi gestiva il ponte al momento della tragedia non può più avere la fiducia degli italiani”.

Genova, inaugurazione nuovo ponte Morandi: si riparte dopo 2 anni

Genova, inaugurazione nuovo ponte Morandi: si riparte dopo 2 anni. Il nuovo viadotto ripreso dall’alto

Solo dopo le ultime verifiche di agibilità sarà possibile l’apertura al traffico. L’Anas ha eseguito con successo i collaudi statici e tecnico-amministrativi, ma sta ancora effettuando le verifiche di agibilità, consentendo così l’apertura al traffico.

Alla cerimonia faranno da contorno due bandiere: il Tricolore, simbolo di unità e appartenenza nazionale, a Ponente, e la bandiera di san Giorgio, il vessillo davanti al quale “le armi sono deposte”, a Levante. In mezzo l’opera, regalata alla città dall’architetto genovese Renzo Piano: una struttura hi-tech (scopri tutti i dettagli del nuovo ponte di Genova) a una città che tiene da sempre nel cuore.

A benedire la struttura sarà il nuovo arcivescovo di Genova, monsignor Marco Tasca, una volta tagliato il nastro.

Guarda il cantiere del nuovo ponte di Genova in diretta adesso.

UNISCITI A NOIScopri finalmente come informarti senza allarmismo, titoli strillati e fake news!

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.