Lo SPID è necessario per i bonus, per accedere a documenti della PA, concorsi pubblici, cartelle sanitarie.
Lo SPID (acronimo di Sistema Pubblico di Identità Digitale) è la chiave per i bonus. Un accesso unico e sicuro per accedere ai servizi della Pubblica Amministrazione. Permette, infatti, di fruire di servizi online in modo semplice e in mobilità con la propria identità digitale. Un'unica password e un solo username per accedere ai servizi di più di 4.000 amministrazioni pubbliche. Aderiscono al servizio anche undici fornitori di servizi privati. Molte sono le realtà che si stanno attrezzando per rendere accessibili i propri servizi attraverso lo SPID. Il digitale, infatti, con il Covid e le restrizioni, diventa sempre più importante.

Nel 2020, le richieste per ottenere l'identità digitale hanno avuto un'impennata. Nei primi cinque mesi del 2020 infatti le nuove identità digitali sono state 76mila. Nei mesi successivi, con i bonus, gli SPID sono notevolmente aumentati. Nel mese di giugno 178mila italiani hanno ottenuto l'identità digitale, in luglio 280mila. In agosto i cittadini che si sono dotati di SPID sono stati 201mila e a settembre sono aumentati a 253mila. Inoltre, se nel 2019 l'identità digitale è stata utilizzata 55 milioni di volte, da gennaio a settembre 2020 è stata usata oltre 67 milioni di volte, con picchi nei mesi di giugno e settembre. Lo SPID è infatti un requisito necessario per ottenere i vari bonus introdotti dal Decreto Rilancio.
Come ottenere lo SPID
Lo SPID è è un servizio gratuito ed è composto da una coppia di credenziali, username e password. Viene rilasciato dai gestori di identità digitale o Identity Provider, soggetti privati accreditati da AgID - Agenzia per l'Italia . . .

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.