Cultura & Tempo Libero

3 grandi mostre per festeggiare l'Arma dei Carabinieri

Per celebrare il 40° anniversario dell’istituzione del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio culturale nasce l’iniziativa “L’Arma per l’Arte”. Gli obiettivi sono quelli di far conoscere la meritoria attività del Comando e dei suoi Nuclei disseminati sul territorio nazionale e sottolineare, ancora una volta, la ricchezza del patrimonio artistico del nostro Paese, ringraziando chi tale ricchezza ha difeso, in questo lungo periodo, in stretta collaborazione con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali nei suoi Uffici centrali e periferici e con le altre articolazioni dell’Arma dei Carabinieri. Per questo il Centro Europeo per il Turismo ha ideato tre grandi mostre: a Napoli, Roma e Firenze, per tutto il corso del 2009, senza escludere la progettazione di altre. Il Comitato scientifico, presieduto dal Prof. Antonio Paolucci, ha privilegiato la qualità delle opere, esposte in prestigiose sedi (Palazzo Reale a Napoli, il Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo a Roma e Palazzo Pitti a Firenze). La mostra archeologica di Napoli, dal titolo “Archeologia che ritorna” (8 maggio - 30 settembre 2009), vuole affermare l’opera del Comando nel contrastare il traffico di reperti archeologici provenienti sia da scavi clandestini, sia da furti, perseguendo tombaroli e trafficanti senza scrupolo, anche in ambito internazionale e recuperando tutti quei reperti che altrimenti sarebbero andati dispersi o comunque sottratti al patrimonio dello Stato. Le opere esposte, frutto di un’accurata selezione, hanno diversa provenienza e coprono un periodo che va dall’VIII sec. a.C. al V sec. d.C.La mostra di Roma, dal titolo “Antologia di meraviglie” (10 settembre 2009 – 30 gennaio 2010), ospita una serie di reperti archeologici e di opere storico-artistiche accomunate dall’alta qualità, che esemplificano che cosa abbia significato, in questi quaranta anni di attività, e tuttora significhi svolgere un servizio per l’arte e . . .

Registrati gratis per continuare a leggere questo articolo...

Registrati gratis ora!

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.