L'arte riparte nei borghi italiani: 20 artisti, 20 borghi, 20 regioni
 

L'arte riprende vita nei borghi italiani grazie al progetto "Una boccata d'arte". A settembre 2o borghi storici italiani saranno animati da eventi di arte contemporanea, realizzati da 20 artisti emergenti. Il progetto coinvolge venti piccoli borghi poco noti, ma di notevole pregio storico artistico situati nelle venti regioni dell'Italia. Nelle varie località, il 12 e il 13 settembre 2020, 20 artisti di talento italiani inaugureranno le loro opere artistiche. Inoltre, le istallazioni saranno esposte fino a domenica 11 ottobre.

Un progetto d'arte diffuso e corale con l'obbiettivo primario di promuovere l'arte contemporanea nelle piccole località di grande valore artistico e storico-culturale. Si vuole dare visibilità ai piccoli borghi e ai talenti emergenti. "Una boccata d'arte", come suggerisce il nome stesso, vuole essere un respiro di ottimismo e bellezza. L'iniziativa, infatti, vuole dare un segnale di ripresa della cultura artistica italiana, ma anche dell'economia e del turismo dei borghi. Un progetto che incentiva il turismo di prossimità e la curiosità per l'arte e per il territorio che la ospita.
La nascita del progetto "Una boccata d'arte"
L'iniziativa è realizzata dalla Fondazione Elpis in collaborazione con la Galleria Continua. Un'idea nata durante il lockdown, che viene realizzate dal 12 settembre. La Fondazione Elpis è stata costituita nel 2020 dall'imprenditrice milanese Marina Missim per valorizzare l'arte contemporanea. Si concentra, infatti, sul sostegno ai giovani artisti emergenti, cercando di dargli visibilità. Vuole, però, allo stesso tempo, promuovere la fruizione dell'arte da parte del pubblico. L'iniziativa . . .

Registrati gratis per continuare a leggere questo articolo...

Registrati gratis ora!

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.