Dreamers Day, il primo evento al mondo dedicato ai Sognatori pragmatici giunge alla sua quarta edizione.
Anche quest’anno School for Dreamers, scuola del capovolgimento fondata da Francesca Del Nero, volta a forgiare una nuova generazione di leader guidata da etica e integrità, riunisce illustri esponenti nell’ambito della cultura, dello sport, della musica, dell’imprenditoria e dell’arte.

Alla quarta edizione del Dreamers Day (Teatro dal Verme di Milano domenica 18 novembre), al prestigioso cast di speaker si aggiungono due personalità di spicco di assoluto interesse. Saliranno sul palco infatti anche Giampaolo Grossi, general manager di Starbucks Italia, che incentrerà il suo intervento sui valori e la mission di Starbucks, dopo il successo riscosso a Milano con l’apertura della Reserve Roastery in piazza Cordusio, e in particolare sul ruolo di primaria importanza che rivestono le persone all’interno dell’azienda, e Philip A. Salem, oncologo di fama mondiale, medico, ricercatore, educatore e statista internazionale nella medicina del cancro, direttore emerito di ricerca sul cancro alla Baylor / Ospedale St. Luke Episcopal a Houston e Presidente di Salem Oncology Centre, porterà sul palco del Dreamers Day un messaggio potente, ovvero che per sconfiggere il cancro la conoscenza da sola non basta.

Alternandosi sul palco, dalle 10 alle 17.30 circa, insieme ad altri illustri ospiti, racconteranno come sono riusciti a realizzare il proprio obiettivo, credendo nelle proprie capacità, nella forza del loro sogno oltre ogni ragionevole dubbio, generando nel pubblico presente un profondo impatto in termini di ispirazione e motivazione. Germoglia nelle coscienze il seme della certezza che chiunque può riuscire a individuare e manifestare il proprio sogno a beneficio proprio e di tutti.

L’energia travolgente del Dreamers Day, a cui gli speaker aderiscono in forma gratuita . . .

Registrati gratis per continuare a leggere questo articolo...

Registrati gratis ora!

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.