UE: risorse inutilizzate tornano agli Stati membri

di 30 Giugno 2011Ottobre 19th, 2020Economia

Saranno in tutto 4,5 miliardi di euro, di cui 572 milioni torneranno all’Italia: il bilancio europeo prevede che una fetta considerevole di risorse finanziarie non utilizzate, tornino nelle casse degli paesi appartenenti all’Unione. Il provvedimento recentemente approvato dalla Commissione Bilancio del Parlamento Europeo, si riferisce al budget del 2010: un bilancio calcolato – alla fine del 2009 – per circa 139 miliardi di euro e destinato programmaticamente a supportare i paesi dell’Unione nella difficile congiuntura economica in corso. Principio ispiratore fondamentale del bilancio 2010 era appunto la ripresa economica: la parte più rilevante dei fondi (45% circa) doveva infatti essere destinato a sostenere la crescita e l’occupazione.

La cifra che verrà attualmente devoluta ai diversi stati, è costituita per più della meta (circa 2,7 miliardi di euro) da fondi non utilizzati nell’attuazione dei programmi europei e per i rimanenti 1,8 miliardi, da multe per infrazione delle regole di concorrenza. La devoluzione di quest’ultima quota agli stati membri, ha provocato un’accesa discussione fra i parlamentari, la maggioranza dei quali ha chiesto che in futuro le risorse derivanti dalla riscossione di sanzioni relative al rispetto della normativa sulla concorrenza, vengano reinvestite nel bilancio dell’Unione Europea. La proposta dei parlamentari, relativa comunque agli stanziamenti futuri, verrà ulteriormente discussa nel corso dei negoziati sul budget annuale e pluriannuale.

La deliberazione della Commissione dovrà essere confermata il 5 luglio dalla sessione plenaria del Parlamento. In caso di approvazione definitiva, il paese che beneficerà maggiormente della destinazione dei fondi sarà la Germania, che incasserà 923 milioni di euro; seguiranno a ruota la Francia (740 milioni) e il Regno Unito (639 milioni); anche all’Italia verrà devoluta una quota consistente, il cui ammontare dovrebbe attestarsi intorno ai 572 milioni di euro.

UNISCITI A NOIScopri finalmente come informarti senza allarmismo, titoli strillati e fake news!

No Comments

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.