Le risorse a supporto dei risparmiatori onesti vanno moltiplicandosi nell’ultimo periodo, grazie alla lotta all’evasione fiscale condotta a favore di una corretta gestione dell’economia italiana.
Oltre a poter contare sul supporto di comparatori online per comparare i conti Hello Bank!, Fineco, Ing Direct o di altri istituti, che offrono la possibilità di gestire in piena autonomia i propri risparmi e di monitorarne i movimenti, scegliere il giusto conto e riuscire ad amministrarlo in modo corretto può tornare utile anche nei confronti del nuovo redditometro.

L’Agenzia delle entrate ha infatti fatto partire le prime lettere del redditometro e, in caso di segnalazioni errate, i contribuenti possono difendersi semplicemente giustificando tutti i movimenti di denaro.
Innanzitutto, però, vediamo che cos’è nel dettaglio il redditometro e quali contribuenti rischiano di ricevere la lettera del fisco.
Il redditometro è un calcolo attraverso il quale l’Agenzia delle Entrate misura il rapporto fra entrate e uscite, ovvero fra reddito e spese da parte dei cittadini. Verranno quindi indagati tutti i conti correnti, le spese effettuate, gli investimenti per trovare chi spende di più di quanto guadagna. Attraverso il test Il tuo redditometro de ilSole24Ore è possibile vedere se si rischia o no.

Il fisco invia le lettere del redditometro solo a chi presenta una differenza del 20% fra reddito e spese, ovvero chi ha speso un quinto di più di quello che ha guadagnato. Grazie all’anagrafe dei conti correnti e alla dichiarazione dei redditi l’Agenzia delle Entrate può sapere più o meno quali sono i beni in possesso del contribuente e può fare una stima di quelle che sono le spese che ci si . . .

Registrati gratis per continuare a leggere questo articolo...

Registrati gratis ora!

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.