Tutti gli importi dei principali bonus 2021 riguardanti sostegno alle famiglie.

La Legge di Bilancio 2021 argina la crisi innescata dalla pandemia erogando un fitto elenco di bonus per il 2021. Principali ambiti da supportare sono il settore sanitario, le imprese e le famiglie. Un’attenzione particolare è riservata alle donne e ai giovani con un programma di oltre 50 miliardi distribuiti in 15 anni, ai quali si aggiungerà il Recovery Plan. Vediamo insieme i più importanti incentivi rivolti alle famiglie.

Bonus bebè

La Legge di Bilancio 2021 ha prorogato l’assegno di natalità in attesa dell’inserimento dell’assegno unico per i figli, previsto a partire dal 1° luglio 2021. Per usufruire del bonus bebè è obbligatorio presentare la DSU, di modo da consentire all’INPS di calcolare l’importo dell’assegno di natalità spettante. Tutte le indicazioni sono presenti nella circolare INPS n.26 del 24 febbraio 2020 grazie alla quale si può richiedere l’agevolazione. Il bonus è organizzato secondo tre categorie di importo:

  • 160 euro al mese (1920 euro l’anno) per le famiglie con ISEE fino a 7mila euro
  • 120 euro al mese (1.440 euro l’anno) per le famiglie con ISEE inferiore a 40mila euro
  • 80 euro al mese (960 euro l’anno) per le famiglie con ISEE superiore a 40mila euro

Nel caso in cui la famiglia avesse un figlio successivo al primo (per nascita o adozione) tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2021, l’importo d’assegno di natalità sarà aumentato del 20%.

Bonus mobili

Per l’acquisto nell’anno corrente di mobili e di grandi elettrodomestici di classe A+ o superiori, si può usufruire di una detrazione Irpef del 50% con scadenza fino al 31 dicembre 2021 per un ammontare complessivo di 16mila euro.

Bonus asili nido

Altra misura per supportare le famiglie è il pagamento delle rette di frequenza di asili nido pubblici o privati o per forme di assistenza domiciliare per bambini con meno di 3 anni affetti da patologie croniche. Il bonus prevede un importo annuo massimo di 3mila euro. Il Recovery Plan supporterà ulteriormente la categoria con altri incentivi in modo da aiutare soprattutto mamme e neomamme a riprendere le loro professioni.

Bonus caregiver

Un nuovo sostegno introdotto dalla Legge di Bilancio 2021 è basato su un importo fino a 500 euro al mese erogato in 3 anni per le mamme con figli disabili. Sono già stanziati al riguardo 5 milioni di euro per l’anno corrente, per il 2022 e per il 2023. L’aiuto riguarderà principalmente madri disoccupate, single e aventi figli con disabilità grave.

Bonus affitti

Tra i bonus 2021 dedicati alle case, c’è quello dell’articolo 1 comma 381 che introduce il bonus affitto per i proprietari. Riguarda nello specifico un nuovo contributo a fondo perduto della riduzione pari al 50% del canone d’affitto, entro il limite di 1.200 euro. Gli interessati potranno richiedere l’agevolazione attraverso l’Agenzia delle Entrate. I requisiti generali per usufruirne sono i seguenti:

  • immobile situato in comuni ad alta tensione abitativa;
  • immobile adibito ad abitazione principale da parte del locatario;
  • contratto a canone concordato per l’affitto.

Bonus kit digitalizzazione

I bonus 2021 offrono agevolazioni anche sul versante “nuove tecnologie”, per le famiglie con ISEE inferiore a 20mila euro annui, non aventi contratto di connessione a internet o di telefonia mobile. Grazie al kit digitalizzazione vi è infatti la possibilità di ottenere uno smartphone nuovo con connessione. Unico requisito è che il richiedente abbia lo SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) ottenibile attraverso Poste Italiane o provider autorizzati. Il dispositivo mobile ricevuto, sarà in comodato d’uso gratuito e valido per un anno.

Bonus assegno idrico

Dal 1° gennaio 2021 i bonus sociali per disagio economico sono riconosciuti automaticamente ai nuclei familiari o cittadini aventi diritto senza l’obbligo di presentare domanda. Tra questi, il bonus acqua garantisce in modalità gratuita la fornitura di 18,25 metri cubi di acqua annuali per ogni componente di famiglia.

Bonus indigenti

Un rifinanziamento che ammonta a 40 milioni di euro per il progetto “INPS per tutti” avviato nel 2019 per la distribuzione di derrate alimentari rivolta ai cittadini indigenti.

Leggi anche:

Bonus partite IVA: un’esperienza positiva raccontata in prima persona

ISCRIVITI SUBITO ALLA NEWSLETTER e RICEVI L'ESTRATTO GRATUITO del primo libro mai scritto in Italia sul Giornalismo Costruttivo!