L’ultima nota sull’occupazione rilasciata dall’Istituto Nazionale di Statistica (ISTAT) indica un trend positivo per l’occupazione in Italia nel primo trimestre del 2023. Secondo i dati, gli occupati sono aumentati di oltre mezzo milione, segnando l’ottavo trimestre consecutivo di incremento tendenziale.

L’ultimo report Istat rivela una ripresa significativa per l’economia italiana, che si riflette su una generale ondata positiva per la società nel suo complesso che sembra tornare alla normalità dopo le criticità degli ultimi anni.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici

Crescita dell’occupazione nel primo trimestre 2023

La nota dell’ISTAT evidenzia un aumento di 513.000 occupati nel primo trimestre 2023 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, corrispondente a una crescita percentuale del 2,3% dei lavoratori. Rispetto al primo trimestre 2023, si è registrato un incremento di 104.000 unità, pari allo 0,4%.

Questi dati testimoniano una costante miglioramento dell’occupazione nel Paese, tanto che i diversi settori economici sembrano ottimisti per il futuro e fiduciosi verso una ripresa economica solida e sostenibile che possa archiviare definitivamente i problemi della pandemia.

Secondo e terzo trimestre 2023

A settembre 2023 l’occupazione cresce  di 42.000 unità rispetto al mese precedente tra i dipendenti permanenti e tra gli autonomi.
Il numero degli occupati si attesta a 23 milioni 656.000 e registra, rispetto a settembre 2022, un aumento di 443.000dipendenti permanenti e di 115.000autonomi; il numero dei dipendenti a termine risulta invece inferiore di 47.000unità.
Su base mensile, il tasso di occupazione e quello di disoccupazione salgono rispettivamente al 61,7% e al 7,4%, mentre scende al 33,2% il tasso di inattività.

La crescita dell’occupazione nei diversi settori di mercato

Diversi settori dell’economia italiana hanno contribuito in modo significativo alla crescita dell’occupazione nel primo trimestre del 2023. In particolare, il settore manifatturiero ha evidenziato un aumento delle assunzioni grazie alla ripresa della domanda sia interna che estera al Paese. Le imprese hanno investito in nuovi progetti e ampliato la produzione, generando nuove opportunità di lavoro per i cittadini e innescando un circolo virtuoso dal punto di vista economico.

Per quanto riguarda il settore dei servizi, che comprende una vasta gamma di attività diverse come il commercio, il turismo, la finanza e le telecomunicazioni, ha svolto un ruolo fondamentale nella creazione di nuove opportunità di lavoro, contribuendo in modo consistente alla crescita dell’occupazione. Il settore dei servizi ha beneficiato inoltre della ripresa economica generale e dell’aumento della domanda da parte dei consumatori, sia da parte dei cittadini che delle imprese. Infine, la crescita dei settori digitali e tecnologici ha aperto nuove prospettive lavorative innovative.

Impatto delle politiche economiche sulla crescita occupazionale

La crescita dell’occupazione nel primo trimestre del 2023 è stata favorita dalle politiche economiche mirate a promuovere la creazione di posti di lavoro. I governi italiani degli ultimi anni ha adottato misure per sostenere le imprese, ridurre le tasse e semplificare la burocrazia, creando un ambiente favorevole agli investimenti e alla crescita delle attività produttive.

Inoltre, sono stati implementati programmi di formazione e riqualificazione professionale, come ad esempio la Formazione 4.0, per adattare le competenze dei lavoratori alle esigenze del mercato del lavoro moderno. Ciò ha permesso di colmare il divario tra le competenze richieste dalle aziende e quelle disponibili, agevolando l’ingresso di nuovi occupati nei settori in crescita.

Occupazione in Italia: quali sono i benefici per la società?

La crescita dell’occupazione comporta una serie di benefici per la società. In primo luogo, un maggior numero di persone occupate porta a un miglioramento delle condizioni economiche individuali e familiari. Questo si traduce in un aumento della spesa e del consumo, stimolando l’economia interna.

Inoltre, una maggiore occupazione riduce il rischio di esclusione sociale, contribuendo a una maggiore coesione sociale e a un miglior benessere psicologico nella popolazione. La stabilità economica derivante dall’occupazione può migliorare la qualità della vita delle persone, offrendo loro opportunità di sviluppo personale e professionale.

Il costo del lavoro e la sfida dell’inflazione

Un altro aspetto rilevante da considerare è l’aumento del costo del lavoro. Nel primo trimestre del 2023, il costo del lavoro per Unità di lavoro dipendente (Ula) ha raggiunto valori tra i più alti nella serie storica. Rispetto al trimestre precedente, si è registrata una crescita dell’1,8%, con un aumento sia delle retribuzioni (+1,2%) sia, in misura maggiore, degli oneri sociali (+3%).

È importante notare che l’aumento delle retribuzioni include anche gli importi una tantum, come ad esempio bonus o parte variabile dello stipendio ottenibile dal lavoratore attraverso il raggiungimento di specifici obiettivi annuali, mentre l’aumento degli oneri sociali è correlato alla riduzione degli interventi di decontribuzione implementati nel 2021-2022.

Sebbene il costo del lavoro stia raggiungendo livelli elevati rimane inferiore al tasso di inflazione. Questo significa che l‘aumento delle retribuzioni da solo non è sufficiente a compensare l’aumento dei prezzi e a preservare il potere d’acquisto dei lavoratori.

La sfida del costo del lavoro elevato e dell’inflazione pone una serie di interrogativi per l’economia italiana.

La crescita dell’occupazione è un segno positivo di ripresa economica per tutta la società ma i lavoratori potranno beneficiare di questa crescita solo se le loro retribuzioni verranno adeguate al potere d’acquisto. Le aziende e il governo dovranno collaborare per trovare soluzioni che bilancino le esigenze delle imprese con la tutela dei diritti dei lavoratori.

Leggi anche:

Lavoro da remoto: come viene utilizzato il tempo guadagnato

L’Italia tra i Paesi con il tasso più basso di incidenti sul lavoro in Europa

Condividi su:
Avatar photo

Chiara Bastianelli

Laurea in Economia e Direzione Aziendale.Project manager in una società di consulenza strategica per le imprese.Appassionata di aziende, finanza e letteratura.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici