“Sapere tante cose non insegna ad aver intelligenza”. Questo quanto scriveva Eraclito parecchio prima (…) di internet e del suo overload di informazione. Saggezza greca che dà la paga a tutti i nuovi pensatori e guru della Grande Rete. Perché è un attimo portarsi in casa il nemico: l’Antico Romano Impero si è fatta mettere i piedi in testa da barbari che del triclino non sapevano certo l’esistenza.

Non si sente più dire che forse era meglio quando non c’era il cellulare, la musica in rete, i film da scaricare e i social network, però certo se la vita non era più facile era certamente più immediata e meno invasiva.
Internet è un impero mediatico tascabile dalle grandi potenzialità, qualcuno parla anche di Nobel per la Pace, per la capacità che potrebbe avere di fare quello che in tanti auspichiamo.

L’importante è che la tecnologia lavori per noi e non viceversa. E’ un attimo trovarsi al computer ed accorgersi di navigare spasmodicamente tra social network e account mail in un insano desiderio di essere perennemente connesso in attesa di novità. Con tanti saluti alla più importante risorsa di cui disponiamo, il tempo e la nostra capacità di usarlo in modo profittevole (che per ognuno può essere diverso).

Questo contenuto è riservato agli iscritti!
Vuoi stare subito meglio leggendo buone notizie?

Gratis

0.00

Accesso gratuito

  • Accesso ai contenuti standard di BuoneNotizie.it
  • eBook integrale “Giornalismo Costruttivo
  • eBook “Quello che i media non ti hanno mai raccontato
  • Newsletter settimanale con le migliori buone notizie
  • SCONTO per i prossimi eventi LIVE

Registrati gratis ora!

AbbonamentoSe vuoi fare la differenza

4.97

al mese

  • Accesso a tutti i contenuti di BuoneNotizie.it
  • eBook integrale “Giornalismo Costruttivo
  • eBook “Quello che i media non ti hanno mai raccontato
  • Newsletter settimanale con le migliori buone notizie
  • SCONTO per i prossimi eventi LIVE

Abbonati subito