Stanotte c’è la luna piena, è alta nel cielo e illumina con una luce potentissima gli alberi, uno scorcio di terrazza e il mare che scintilla, creando dei giochi di luce e ombra quasi ipnotici. La sveglia è tra due ore ma io non ho alcuna voglia di dormire, eppure sono andata a letto solo qualche ora fa, tra poco assisterò a uno degli spettacoli più incredibili della natura: l’alba sul mare.

Penso che osservare la luna in questo momento e l’attesa dell’alba sono diventate qualcosa di eccezionale, che molti di noi riservano solo a dei momenti speciali, eppure loro sono lì da sempre. Ma noi esseri umani non abbiamo più tempo, voglia, desiderio, curiosità e umiltà per osservarli, troppo presi dalle nostre vite “di corsa”, dai nostri telefoni, che sono la prima e l’ultima cosa che guardiamo durante queste nostre giornate infinite, e ci perdiamo ciò che la natura gratuitamente ci regala ogni giorno, ogni notte e ogni istante della nostra vita.

Ciò che provo ora è un’immensa gratitudine. Sono seduta su questa terrazza che si affaccia sul mare, illuminata dalla luna e dalla flebile luce del mio pc, riesco a sentire ogni suono che non è ancora stato sovrastato dai rumori “umani” e mi ci immergo completamente: un gallo in lontananza, i grilli, il fruscio delle palme e il mare... sento il suo profumo e il suo sapore anche da qui.

Sono partita qualche mese fa da Varese, casa mia, quando ho preso la mia decisione: mollo tutto e cambio vita! Penso a come sono arrivata qui, in Sicilia, semplicemente dicendo a me stessa e agli altri... “scusate ho qualcosa da dire: questa vita non fa più per me, voi continuate pure a correre, io non so più dove e perch . . .

Registrati gratis per continuare a leggere questo articolo...

Registrati gratis ora!

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.