L’alimentazione è un tema cruciale quando parliamo di una vita sana e orientata al benessere. La nutrizione e il bambino è un argomento complesso che ancora oggi risulta avvolto da molte credenze popolari. Per i genitori e gli educatori diventa fondamentale distinguere i miti dalla realtà e fornire ai bambini le basi per una vita sana e bilanciata.

Le Linee Guida per una sana alimentazione, redatte dal CREA, possono venire in aiuto per smascherare false credenze e per avere delle indicazioni scientifiche su come approcciare l’argomento della nutrizione e il bambino.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici

Perchè un corretto atteggiamento verso l’alimentazione durante l’infanzia è cruciale

L’infanzia è un periodo formativo in cui le scelte alimentari possono avere impatti duraturi sulla salute e sul benessere generale. In particolare il bambino viene a contatto per la prima volta con i diversi cibi e soprattutto con quelle che possiamo chiamare abitudini alimentari, come ad esempio l’educazione alle quantità, alla varietà degli alimenti e più in generale al rapporto con il cibo. Nella prima infanzia e anche durante l’adolescenza è fondamentale fare attenzione al modello nutrizionale che viene proposto ai più giovani, sia in famiglia che tra le mura scolastiche.

Si potrebbe incappare nell’errore di far saltare ai più piccoli la verdura o la frutta ai pasti oppure essere particolarmente selettivi con il cibo, pensando che queste scelte non avranno ripercussioni nel lungo periodo. Purtroppo la ricerca scientifica sostiene che non è sempre possibile correggere dei comportamenti alimentari errati in età adulta. Le abitudini instaurate in tenera età spesso diventano comportamenti radicati, che possono persistere e persino intensificarsi man mano che i bambini crescono.

I principali falsi miti sulla nutrizione e i bambini riguardano il latte e il peso

Uno degli argomenti più dibattuti riguarda il latte, la nutrizione e il bambino. Si tende a credere che il latte sia indispensabile per garantire un adeguato apporto di calcio nei bambini. Nella realtà il calcio può essere assunto anche attraverso altre fonti alimentari come verdure a foglia verde, frutta secca e semi. Pertanto, mentre il latte rimane una fonte primaria, non è l’unico mezzo per garantire una crescita ossea salutare.

La questione del peso dei bambini è altrettanto delicata. Contrariamente alla credenza popolare, un bambino in sovrappeso non perderà necessariamente l’eccesso di peso crescendo. Il sovrappeso durante l’infanzia può prefigurare problematiche correlate anche nell’età adulta, rendendo quindi fondamentale l’importanza di un approccio preventivo evitando atteggiamenti lascivi dei genitori verso cibi altamente calorici e grassi.

Il ruolo della mensa scolastica

Le mense scolastiche sono spesso accusate di offrire pasti di bassa qualità. I menù erogati dagli istituti scolastici sono nella realtà studiati e elaborati da professionisti del settore della nutrizione che seguono le raccomandazioni alimentari illustrate nelle principali linee guida nazionali. I menù delle mense potrebbero differire dai gusti casalinghi ma rappresentano un’opportunità unica per sperimentare diversità e varietà culinarie, educando il palato del bambino.

Gli insegnanti giocano un ruolo fondamentale nella vita dei bambini, non solo dal punto di vista accademico. Una responsabilità che spesso viene trascurata riguarda l’osservazione dei comportamenti alimentari. Se un bambino mostra segnali problematici legati al cibo, come mangiare in modo compulsivo o evitare certi alimenti, potrebbe essere un indicatore di potenziali disturbi alimentari o altri problemi psicologici. Pertanto, l’attenzione a tali segnali e la collaborazione tra insegnanti e genitori diventano essenziali.

Una menzione particolare va infine alla proibizione di alcuni cibi o bevande. Proibire ai bambini certi alimenti potrebbe sembrare una soluzione semplice ed immediata ma in realtà potrebbe avere l’effetto opposto: quando un cibo diventa “tabù”, può diventare ancora più desiderabile, rendendo la strategia controproducente. La nutrizione e il bambino è un argomento delicato con un forte impatto sul benessere presente e futuro dei più piccoli.

Leggi anche:

Una alimentazione sana passa dalla riduzione di grassi e alcol 

Quanto fanno (davvero) bene dieta chetogenica e abbondanza di proteine?

Ecco gli alimenti che dovremmo consumare di più per avere una dieta equilibrata

Condividi su:
Avatar photo

Chiara Bastianelli

Laurea in Economia e Direzione Aziendale.Project manager in una società di consulenza strategica per le imprese.Appassionata di aziende, finanza e letteratura.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici