Centinaia di migliaia di specchi scintillano, abbaglianti, sulla superficie di un arido deserto americano; sembrerebbe la descrizione di uno scenario fantascientifico, tratto da un romanzo di Bradbury o di Clarke, invece si tratta di qualcosa di reale e attualissimo: uno sterminato impianto di produzione di energia solare che provvederà al rifornimento energetico di più di 140.000 abitazioni californiane. Il suo nome è Ivanpah Solar Electric Generating System ed è un progetto che si colloca nell’ambito di una politica energetica ad ampio raggio.

300.000 specchi collocati sulla sommità di 173.500 torri ad acqua si estendono su una superficie di 13 kmq, una cinquantina di chilometri a sud-ovest di Las Vegas: l’impatto visivo è colossale, quello energetico pure. Il più grande impianto termodinamico del pianeta non è più solo un progetto, ma una realtà concreta, messa a punto per rispondere a una delle sfide del secolo: ridurre ai minimi termini la produzione di CO2 e potenziare in modo esponenziale l’apporto energetico fornito da fonti green. Il progetto, infatti, rappresenta la punta di diamante della politica energetica del governo californiano, che entro il 2020 mira a far sì che l’apporto proveniente da fonti sostenibili rappresenti un terzo della produzione energetica totale dello Stato.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici

Il dato certo è che l’impianto consentirà una riduzione di CO2 pari a 400.000 tonnellate annue, garantendo parallelamente il rifornimento energetico di 140.000 abitazioni. Per il momento, gli unici a sembrare poco soddisfatti del risultato, sembrerebbero i volatili e gli animalisti: le torri ad acqua, surriscaldate dal sole del deserto, possono infatti raggiungere una temperatura di 530 gradi e pare che questo aspetto possa rappresentare una minaccia più che tangibile per gli uccelli del luogo. Il Governo Californiano si è comunque mostrato disponibile ad affrontare la problematica in modo tempestivo: “Stiamo cercando di farci un’idea di quanto sia consistente il problema e di cosa possiamo fare per ridurlo ai minimi termini – ha dichiarato Eric Davis, che si occupa della tematica presso l’ US Fish and Wildlife Service’s Sacramento Office – D’altra parte, quando si testano nuove tecnologie, non si è mai totalmente preparati a quello che sarà l’impatto effettivo.” Certo, considerato in una prospettiva puramente energetica, l’impianto californiano rappresenta un esperimento senza precedenti e secondo la Solar Energy Industries Association rappresenterebbe l’alba di una nuova era nella produzione energetica degli Stati Uniti“.

Ti potrebbe interessare anche:

Nicaragua, inaugurato l’impianto solare più grande del Centroamerica

Usa, 15 milioni di dollari alle innovazioni nel campo dell’energia solare

In Australia eolico e solare costano meno di gas e petrolio

 

 

 

Condividi su:
Martina Fragale buonenotizie.it

Martina Fragale

Giornalista pubblicista dal 2013 grazie alla collaborazione con BuoneNotizie.it, di cui oggi sono direttrice. Mi occupo di temi legati all’Artico e ai cambiamenti climatici; come docente tengo corsi per l’Ordine dei Giornalisti e collaboro con l’Università Statale di Milano.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici